Congresso Pd, è caos. Minniti ritira la candidatura, cresce l’ipotesi scissione dei “renziani”

Congresso Pd, è caos. Minniti ritira la candidatura: la decisione dopo un incontro con Lotti e Guerini. Cresce l’ipotesi scissione dei “renziani”

E’ un vero e proprio rebus il congresso del Pd. Il reggino Marco Minniti sembra orientato a ritirarsi dalla corsa per la segreteria dei Dem. Nel pomeriggio, un incontro con Luca Lotti e Lorenzo Guerini, “renziani” della prima ora, che hanno ribadito il sostegno dell’area dell’ex premier, alla candidatura di dell’ex ministro degli Interni al congresso, non è servito a frenare l’intenzione del reggino a fare dietrofront. Sulla decisione conterebbe la troppa freddezza dello “capo” Renzi nei suoi confronti. Inoltre, Minniti, nel corso della riunione, ha chiesto in maniera esplicita l’impegno che ogni parlamentare non uscisse ora e neanche in futuro dal Partito Democratico: Lotti e Guerini hanno giudicato offensiva la richiesta. Sta di fatto che cresce l’ipotesi scissione da parte dell’ala renziana: da un lato Renzi è assolutamente disinteressato dalla fase congressuale e la probabile vittoria di Zingaretti non aiuta. Alcuni fedelissimi del politico toscano, però, non demordono: nelle ultime ore è forte il nome di Lorenzo Guerini, quale candidato per la segreteria dei Dem di tutta l’area renziana anche se il diretto interessato non sembra per nulla convinto.