Mafia: oltre il 95% dei beni confiscati in 8 Regioni, la Sicilia guida la classifica

La Sicilia in testa per la percentuale di immobili confiscati alla mafia e già destinati ad altro uso: segue la Calabria, ma con un netto divario

Oltre il 95 per cento degli immobili confiscati alla mafia e già destinati è concentrato in otto regioni, con una netta prevalenza della Sicilia (40 per cento), seguita da Calabria (17 per cento), Campania (14 per cento), Puglia (11 per cento), Lombardia, Lazio, Piemonte ed Emilia Romagna. E’ quanto è emerso durante il convegno ‘Diritto amministrativo e misure di prevenzione della criminalità organizzata’, che si è svolto oggi nell’Aula magna della Scuola delle Scienze giuridiche ed economico-sociali dell’Università di Palermo. Per quanto riguarda gli immobili ancora da destinare (17.882), le otto regioni con la maggior concentrazione di beni immobili in gestione restano le stesse, dove si concentra il 92 per cento del totale. In particolare a guidare la classifica è la Sicilia (36 per cento), seguita da Campania (15 per cento) e Calabria (13 per cento). In Lombardia, invece, si trova quasi il 10 per cento degli immobili da destinare e nel Lazio poco più del 7 per cento del totale. Entrambe queste regioni (Lombardia e Lazio) hanno superato la Puglia dove si trovano 772 immobili in gestione pari a circa il 5 per cento del totale. I beni localizzati in Piemonte (709) sono in netta crescita così come in Emilia Romagna (469) e in Toscana (381). (Adnkronos)


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...