Bocciato l’emendamento per gli Lsu-Lpu: amministrazione di Villa San Giovanni vicina ai lavoratori

Per stare vicino ai tanti lavoratori che prestano servizio presso il comune di Villa San Giovanni, il sindaco Giovanni Siclari e la sua vice con delega Maria Grazia Richichi, insieme al presidente del consiglio Antonino Giustra, li hanno incontrati durante la manifestazione di protesta

Bocciata la mozione che prevedeva lo stanziamento di 50 milioni per gli Lsu – Lpu calabresi. Per stare vicino ai tanti lavoratori che prestano servizio presso il comune di Villa San Giovanni, il sindaco Giovanni Siclari e la sua vice con delega Maria Grazia Richichi, insieme al presidente del consiglio Antonino Giustra, li hanno incontrati durante la manifestazione di protesta.
“A questi lavoratori va la nostra solidarietà e il nostro impegno affinché possano presto avere, dopo tanta attesa, la meritata stabilizzazione – hanno dichiarato Siclari e Richichi – Il loro apporto e fondamentale, infatti, senza di loro in questi giorni si sono paralizzati i servizi. Sono figure indispensabili e noi ci attiveremo con ogni mezzo a nostra disposizione per non lasciarli soli in questa battaglia”. Il primo cittadino ha spiegato ai lavoratori come ci sia da parte sue “la massima disponibilità a stabilizzare alcune risorse. Non ho fatto uno staff, ma solo alcune consulenze, proprio per avere a disposizione le somme necessarie per stabilizzare qualche precario. Ovviamente basteranno solo per pochi per questo è necessario un intervento massiccio da parte del Governo”.
Dopo vent’anni e più di precariato presso gli Enti utilizzatori si è riusciti, attraverso le lotte dei sindacati confederali e delle rispettive categorie che curano la vertenza, a ottenere un contratto a termine.
La Calabria è l’unica regione d’Italia che è riuscita a ottenere questo importante risultato e non può essere vanificata mandando a casa questi lavoratori che hanno sempre dimostrato la loro indispensabilità a costo zero per le casse comunali. Pertanto sarebbe un gesto di responsabilità prorogare i contratti e contestualmente la trasformazione a tempo indeterminato, affinché ciò possa avvenire l’attuale Governo deve immediatamente prevedere la storicizzazione dei 50 milioni di euro concessi ormai da quattro anni dai Governi precedenti e le deroghe normative. Abbiamo già interessato il senatore villese Marco Siclari che provvederà a farsi portavoce di questa emergenza ripresentando l’emendamento in Senato. Ringraziamo – hanno concluso Siclari e Richichi – Stefano Princi, segretario provinciale UILTEM per la sinergia e il costante lavoro accanto ai lavoratori e i sindacati Cgil, Uil e Cisl che continuano a lottare per garantire un futuro lavorativo ai tanti precari calabresi”.