Aeroporto di Reggio Calabria, Alitalia “coccola” i passeggeri del volo rientrato per un problema di pressurizzazione [INFO e DETTAGLI]

Reggio Calabria: i passeggeri del volo di ieri per Roma, decollato e poi rientrato per un problema tecnico, sono stati “coccolati” da Alitalia e dall’Aeroporto dello Stretto

Il senso di essere “compagnia di bandiera”: così Alitalia ieri si è presa in carico nel modo migliore possibile i 140 passeggeri del volo Alitalia AZ1156 che ieri mattina è dovuto rientrare all’Aeroporto dello Stretto per un problema di pressurizzazione riscontrato 15 minuti dopo il decollo. Come già scritto ieri da StrettoWeb, i passeggeri erano rientrati in piena sicurezza senza alcun tipo di problema. L’aereo era diretto a Roma Fiumicino con a bordo, tra i 140 passeggeri, tanti “big” della politica e della magistratura calabresi e siciliani: il Sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, il Presidente del Consiglio Regionale della Calabria Nicola Irto, il noto magistrato anti ‘ndrangheta Antonio De Bernardo e i deputati Cannizzaro e Germanà.

Tutti i passeggeri sono stati letteralmente “coccolati” da Alitalia, nonostante qualcuno (soprattutto i politici) abbia deciso di spostarsi su Lamezia per prendere un altro volo. La compagnia di bandiera, invece, ha immediatamente provveduto a chiamare a Reggio un nuovo aereo “Ferry Flight” che è partito appositamente da Roma e che è ripartito alle 15:30 con a bordo circa 100 dei passeggeri del volo mattutino. Scelta infelice, quindi, per chi ha deciso di imbarcarsi da Lamezia: è arrivato a Roma addirittura più tardi rispetto a chi ha aspettato a Reggio confidando in Alitalia.

Inoltre i passeggeri che hanno atteso il nuovo volo di Alitalia a Reggio, hanno pranzato all’Aeroporto dello Stretto (offerto da Alitalia), mentre coloro che avevano perso le coincidenze e quindi hanno dovuto annullare il viaggio, hanno avuto la piena disponibilità a riprogrammare i voli in un’altra data e sono stati in alcuni casi letteralmente accompagnati a casa a spese di Alitalia che, ad esempio, ha offerto un taxi ad una coppia di Bagnara Calabra in sedia a rotelle per rientrare fino alla propria abitazione.

Un esempio encomiabile di come Alitalia e l’Aeroporto dello Stretto riescano non solo a garantire i massimi standard di sicurezza in volo, senza alcun tipo di ripercussione sui passeggeri anche in caso di guasti e problemi tecnici, ma anche di come abbiano cura della soddisfazione dei propri viaggiatori in situazioni in cui ci si adopera per ridurre al massimo i disagi.