L’unvs contro il bullismo, importante convegno a Udine

bullismo

Importante iniziativa della sezione UNVS di Udine presieduta da Andrea Mascarin, e realizzata in collaborazione con gli organismi scolastici e l’adesione delle Associazioni Benemerite del Conti. La sezione friulana ha infatti organizzato un Convegno su di un tema di scottante attualità: il Bullismo. Ricca e articolata la partecipazione all’evento, che ha sostenuto l’antidoto dello sport contro questo fenomeno dilagante, e composta da psicologi, docenti, avvocati, dirigenti scolastici e rappresentanti delle forze dell’ordine. In veste di testimonial UNVS, quale eccellente studentessa e atleta vincente di ciclocross ha preso parte al convegno anche Sara Casasola, unitamente a Petra Monaco tiratrice con l’arco, Mattia Qualizza pattinatore, e Matteo Spanu mezzofondista. Molti gli spunti e i dati forniti sui quali riflettere. Il 12% dei giovani tra i 14 e i 18 anni sono vittime di cyberbullismo, il 33% di bullismo, ma pochi hanno la consapevolezza che ciò costituisca reato. Necessaria quindi una sinergia educativa da sviluppare tra famiglia, scuola e società sportive. Inoltre, si rileva che colpevoli e vittime solitamente non praticano sport. Lo sport in generale, dunque risulta essere un deterrente al bullismo, perchè i suoi valori rafforzano l’autostima, il rispetto dell’altro e lo spirito di correttezza. Nel mondo del calcio tuttavia, si rileva ugualmente che molti giovani praticanti hanno subito atti di bullismo. Da qui risulta fondamentale, come conseguenza, il ruolo dell’allenatore. A conclusione del convegno, Giuseppe Garbin, a nome dell’UNVS udinese, ha quindi ribadito l’impegno dell’Associazione per la promozione di valori etici nel campo dello sport e dell’educazione.