Reggio Calabria, la storia di Daniela De Girolamo che in compagnia del suo “Spritz” ha mollato casa, lavoro e città per un’avventura d’altri tempi [FOTO]

/

Reggio Calabria: la giovane Daniela insieme al suo cagnolino Spritz ha lasciato casa, città e lavoro e vive a bordo del suo camper in giro per l’Italia

E’ un’avventura molto affascinante e particolare quella di Daniela De Girolamo, giovane reggina di 34 anni che ha deciso letteralmente di “mollare tutto” (casa, lavoro e città) e partire da Reggio Calabria per girare l’Europa in camper. Daniela viveva a Reggio e aveva un lavoro soddisfacente come maestra di ballo, ma la sua passione per i viaggi alla scoperta del pianeta l’ha spinta ad una decisione così forte maturata gradualmente nel corso degli ultimi anni. La giovane reggina infatti ha iniziato a praticare il “camperismo” circa due anni fa, e adesso da un paio di mesi ha deciso di mollare tutto e andare a vivere con il suo camper all’insegna dell’avventura. Giovane, donna e sola (anche se in realtà c’è il suo fedele cagnolino Spritz a farle compagnia), è una testimonianza insolita e suggestiva di come si possano esaltare le proprie passioni.

Ai microfoni di StrettoWeb, Daniela ha raccontato com’è nata quest’idea: “ho creato la pagina Facebook “Mollo tutto e vado a vivere in camper” per gioco, ma ho subito notato il successo che ha riscosso soprattutto nell’ambito dei camperisti e di coloro che magari vogliono cambiare vita e vogliono consigli pratici“. In poco tempo Daniela ha raccolto grandi consensi e ha già trasformato questa sua passione in un lavoro, perchè proprio da oggi 1° Novembre è anche reporter ufficiale una testata giornalistica di Bologna “Genius camping” che si occupa di turismo plein air in ambito nazionale. Grazie anche a questo nuovo lavoro Daniela andrà in giro a recensire le strutture di tutt’Italia e magari sarebbe bello se proprio le strutture della sua Regione, la Calabria appunto, la contattassero per fare scoprire a tutti le bellezze della nostra terra.

Daniela è sempre stata “a caccia” di nuovi orizzonti e alla scoperta di nuovi modi di vedere la vita oltre le convenzioni. I motivi che hanno spinto Daniela a questa scelta forte sono molteplici, ma soprattutto la passione per i viaggi che sin da piccola la spingevano a partire con qualsiasi tipo di mezzo, treno, pullman, alla scoperta di nuovi orizzonti, fino all’incontro con il camper che le ha fatto “scoprire un mondo nuovo“. E adesso per lei quel Camper è diventato Casa: dotato di tutti i comfort, ha lavandino, frigo, fornello, acqua calda, stufa, spazi attrezzati a guardaroba proprio come un’abitazione comune.

Ad accompagnare Daniela nelle sue avventure c’è Spritz, un dolcissimo cagnolino di 1 anno e mezzo che ama questa nuova vita insieme alla sua “mamma“. Daniela racconta che i suoi spostamenti sono anche legati al cuore, agli eventi presenti lungo lo stivale e adesso che è diventata ufficialmente reporter, avrà delle destinazioni ben precise che la porteranno a scoprire le bellezze del nostro Paese.

Daniela ha anche scoperto la passione di diventare blogger, infatti la sua pagina Facebook nonostante sia nata da appena tre settimane, già vanta ben 1.500 fan. In cantiere tra i suoi progetti c’è quello di creare delle rubriche scritte ma anche canali YouTube, per dare consigli pratici a chi come lei vuole mollare tutto e seguire i suoi sogni. Tanti i fan che seguono Daniela, tra questi anche la mamma, Rosetta, che come tutti i parenti è contentissima perchè vede la figlia felice.

Alla domanda “chi vorresti ringraziare tra le persone che ti seguono in questa avventura?”, Daniela risponde: “Ringrazio Carlotta, fondatrice del Network “Genius camping”, Ariela sempre della testata giornalistica di Bologna, Loredana che ha realizzato questo bellissimo logo con me e Spritz e a tutte le persone che mi seguono da tutta Italia e non solo“.

In una sua testimonianza, Daniela racconta in modo approfondito la sua nuova vita:

Fino a poche settimane fa ero una ragazza “normale” con un lavoro “normale”, una casa piccola ma confortevole, vicino alla mia famiglia, agli amici di sempre e conducevo una vita “normale”. Avevo tutto quello di cui avevo bisogno, una “sicurezza” economica, la “certezza” di avere sempre qualcuno su cui contare, un tetto sulla testa e a periodi anche delle relazioni “stabili” con uomini a cui, volendosi accontentare, forse non mancava nulla. Ti starai chiedendo, allora perché tutte queste virgolette? Perché riflettendoci bene, e forse anche tu alla fine di questo racconto (la fine della storia spero sia ancora lontana) mi darai ragione, cosa nella vita é veramente sicuro, stabile, normale? I lavori hanno un tempo più o meno determinato, anche i liberi professionisti e gli imprenditori hanno dei momenti più o meno favoreli, gli amici si perdono per strada, a volte in senso metaforico e a volte fisico, ci litighi, trovano un lavoro fuori o si sposano e cambiano stile di vita, i parenti ahimé non vivono per sempre, gli amori finiscono o nascono già con dei vizi di forma, ma a volte ci accontentiamo anche pur di non rimanere soli, i beni materiali si deteriorando e così via! Allora mi e ti rifaccio la domanda, cosa è veramente sicuro nella vita? Sono arrivata alla conclusione, o forse anche questo sarà semplicemente un ulteriore step nella mia vita e fra un po’ di tempo vedrò tutto sotto vesti ancora diverse, che l’unica cosa sicura in questa vita è proprio che di vita abbiamo solo questa. Allora perché fossilizzarsi in quel porto “sicuro” e perdersi l’immensità dell’oceano? Ed eccomi qui, a bordo del mio camper, senza mete precise e senza grossi progetti, in balia dell’oceano asfaltato, col mio fedele compagno di viaggio, il mio cucciolo peloso che è l’unica vera certezza dei pochi anni in cui sarà al mio fianco, pronta alle nuove sfide che mi si presenteranno, alle nuove porte che mi si apriranno, agli imprevisti che dovrò affrontare e che per strada sono sicuramente più frequenti, ma che con determinazione e un pizzico di coraggio, supererò esattamente come te che, seduto sul tuo divano XXL, davanti al tuo TV da 60″, stai probabilmente pensando a come arrivare a fine mese con due o tre figli a carico. Ogni cammino ha le sue difficoltà, ogni scelta ha delle conseguenze, anche e soprattutto le scelte mai prese, ma la vita è fatta di scelte e quindi tutto ha una conseguenza, a sto punto abbi il coraggio di vivere la vita che realmente vuoi! Il resto della storia vorrei raccontartelo strada facendo se avrai voglia di accompagnarmi in questa mia avventura chiamata vita, vita inteso come viaggio, difatti per me la vita è un viaggio e si dice chi viaggia vive due volte“.

Per chi vuole seguire le avventure di Daniela può farlo tramite la pagina Facebook “Mollo tutto e vado a vivere in camper