Rifiuti, a Messina è ancora emergenza: spazzatura e degrado in città [FOTO]

/

L’ex consigliere della V Circoscrizione Cannistraci: “Messina piena di immondizia, i cittadini devono ribellarsi”

A Messina è ancora emergenza rifiuti. Interi quartieri sono invasi da tonnellate e tonnellate di immondizia. Stamattina il sindaco De Luca ha annunciato che anche stanotte seguirà di persona le attività di raccolta rifiuti in città. In tantissime zone della città i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per spegnere gli incendi appiccati nella notte ai cassonetti e alle montagne di sacchetti di spazzatura in strada.

“Siamo punto e a capo. Città sporca, piena di immondizia, zanzare tigre e non, topi e ratti di ogni dimensione, cinghiali che pascolano come pecorelle smarrite-è il commento dell’ex consigliere della V Circoscrizione Marcello Cannistraci, che prosegue:
“Non siamo in un paese sottosviluppato dell’entroterra africano, dove comunque ciò non avviene sicuramente.
Siamo in Italia, precisamente a Messina, città d’onore e patria di tante persone illustri, che hanno fatto parlare di sé e della propria origine in tutto il mondo.
Viale Giostra, percorso dove dall’arrivo del traghetto si arriva all’imbocco dell’autostrada, dove ci sono una miriade di scuole statali medie e superiori, dove c’è un’alta concentrazione di abitazioni residenziali, dove c’è una sede che rispecchia la Presidenza del V Quartiere, viene trattata come una zona malfamata e poco curata.
In realtà la formula matematica non fa una piega: ” Scambiando l’ordine dei fattori il prodotto non cambia”.
Non capisco la preferenza di altre zone pulite e disinfestate, quando in realtà questa zona ormai è una ad alta frequenza residenziale e zona di transito per attraversare la città.
Non credo che con queste due righe posso cambiare il modus operandi di chi esercita questo ruolo, ma chiedo ai cittadini di amare di più la propria città e quindi pretendere la pulizia dei luoghi e ribellarsi a ciò che non viene eseguito”.