Sanità in Sicilia, nominati i nuovi manager: cambio di vertice all’Irccs di Messina

Musumeci nomina i nuovi manager della Sanità, mancano all’appello i nomi di direttori dei policlinici di Messina, Catania e Palermo, per i quali si attende la conclusione del procedimento di intesa con i rettori degli Atenei

Arrivano finalmente i nomi dei nuovi manager della sanità in Sicilia. Ieri sera nella seduta di Giunta convocata d’urgenza dal governatore Nello Musumeci, il governo regionale ha ratificato le nomine dei nuovi direttori sanitari a capo delle Asp e degli ospedali dell’isola. Di seguito i nomi dei nuovi manager:

Asp di Palermo: Daniela Faraoni.

Asp di Catania: Maurizio Lanza.

Asp di Messina: Paolo La Paglia.

Asp di Agrigento: Giorgio Santonocito.

Asp di Caltanissetta: Alessandro Caltagirone

Asp di Enna: Francesco Iudica.

Asp di Siracusa: Lucio Salvatore Ficarra.

Asp di Ragusa: Angelo Aliquò.

Asp di Trapani: Fabio Damiani.

Arnas Civico di Palermo: Roberto Colletti

Villa Sofia-Cervello di Palermo: Walter Messina

Cannizzaro di Catania: Salvatore Giuffrida

Garibaldi di Catania: Fabio De Nicola

Papardo di Messina: Mario Paino

Irccs Bonino Pulejo di Messina: Vincenzo Barone

Manca ancora l’accordo sui nomi per i policlinici di Messina, Catania e Palermo, per i quali si attende la conclusione del procedimento di intesa con i rettori degli Atenei. Sulle nuove designazioni interviene la deputata Ars Cannata, che commenta: “È necessario e doveroso – dichiara la deputata – continuare a lavorare come si è fatto in questi mesi avendo come fine quello dell’ottimizzazione delle strutture ospedaliere e dei servizi sanitari, garantendo ai cittadini la qualità dell’assistenza sanitaria nel territorio siciliano”.  “Certa che si procederà dritto verso la strada dell’eccellenza che tutti i siciliani meritano – conclude la parlamentare – auguro ai nuovi manager un ottimo lavoro e in particolare al nuovo manager della provincia di Siracusa, dott. Lucio Salvatore Ficarra, che sará protagonista di nuovi traguardi e obbiettivi a garanzia del diritto alla salute di tutti i cittadini della nostra provincia”.