‘Ndrangheta: condannato a 19 anni si asserraglia dentro un ufficio postale, dopo una lunga trattativa si arrende [GALLERY]

  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
/

‘Ndrangheta: condannato a 19 anni si asserraglia dentro un ufficio postale, L’uomo si è arreso poco fa alle forze dell’ordine dopo una lunga trattativa. i 4 ostaggi trattenuti all’interno dal sequestratore sono stati liberati

Paura a Pieve Modolena in Emilia Romagna dove un condannato nel maxi-processo di ‘Ndrangheta “Aemilia” era asserragliato da questa mattina all’interno di un ufficio postale armato di un coltello. L’uomo, Francesco Amato, si è arreso poco fa alle forze dell’ordine dopo una lunga trattativa: i 4 ostaggi trattenuti all’interno dal sequestratore sono stati liberati. Al momento della sua uscita dalla filiale delle poste, alcuni parenti di Amato hanno applaudito, accusando “i giudici di averlo portato a questo”. Amato aveva chiesto stamani di parlare con il ministro dell’Interno Matteo Salvini.