Autostrada Catania-Palermo: entro fine mese la riapertura di tre viadotti cantierati

Autostrada Catania-Palermo, ieri la ricognizione dell’assessore Falcone: da Anas l’impegno a riaprire tre viadotti finora cantierati a fine mese. Vertice in Assessorato sui limiti al traffico dei mezzi pesanti, soluzione condivisa dopo il confronto con gli autotrasportatori

 

I viadotti Mulini, Cozzo Rocca e Cinque archi dell’autostrada A19, finora oggetto di cantieri di manutenzione e messa in sicurezza, verranno riaperti a fine mese. Si tratta dell’impegno preso da Anas al termine dell’accurata ricognizione  compiuta, ieri sulla Catania-Palermo, dall’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone.

“Da anni manca la manutenzione e per questo resta ancora tanto da risolvere – ha commentato l’assessore – ma intanto arrivano chiari segnali sul valore dell’azione del Governo Musumeci, in campo per rimettere tutta la Sicilia sulla giusta strada a partire da infrastrutture e lavori pubblici”.

Ieri, poi, negli uffici dell’Assessorato regionale delle Infrastrutture, si è tenuto un vertice fra l’assessore Falcone, i dirigenti dell’Anas e le associazioni degli autotrasportatori (Aias, Aitras/Trasportiunito, Fita/Cna, Casartigiani, Confartigianato, Assiotrat/Alis, Assotrasport) in merito alle limitazioni introdotte sull’A19 per il traffico dei veicoli superiori a 32 tonnellate a pieno carico.

Dal confronto è emersa la conferma quanto sia di fondamentale importanza contingentare il traffico nel tratto fra Enna e Tremonzelli. Un frattura a taglio sul viadotto Cannatello, rilevata dall’Anas e costantemente monitorata, rende elevato il rischio per l’incolumità degli utenti della Catania-Palermo.

Per la viabilità alternativa è stata vagliata dalle parti una soluzione differente rispetto a quella, inizialmente proposta dall’Anas, che comporterebbe un allungamento dei tempi di percorrenza di due ore circa. È stato accertato – con un sopralluogo seguito alla riunione – che la strada provinciale 121 è praticabile dai mezzi pesanti in entrambe le direzioni, dunque a doppio senso di marcia, e potrebbe essere la giusta soluzione per ovviare ai disagi della categoria.

L’assessore Falcone, accogliendo le richieste degli autotrasportatori, si è impegnato ad istituire attraverso un decreto un tavolo tecnico permanente dedicato al trasporto su gomma e che si riunirà almeno una volta al mese. Lo scopo, tra le altre cose, è di assicurare la condivisione delle decisioni programmatiche dell’Anas garantendo congrui tempi d’avviso e di confronto. Falcone si occuperà, inoltre, di incontrare i vertici delle forze dell’ordine per garantire agli autotrasportatori una deroga sulle ore di guida per il maggior tempo percorso dovuto alla deviazione. L’Anas, infine, ha garantito che rimuoverà gli attuali cartelli di deviazione, poco visibili e con indicazioni non precise, considerato anche le 32 tonnellate previste come limite per accedere all’autostrada sono da intendersi a pieno carico.