Alluvione a Casteldaccia: a Palermo i funerali delle vittime, sconforto e commozione [FOTO]

  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/

Tantissime persone ai funerali delle vittime dell’alluvione di Casteldaccia

Centinaia di persone, alla cattedrale di Palermo, per i funerali delle nove vittime della tragedia di Casteldaccia. Al rintocco delle campane, i feretri hanno fatto il loro ingresso, accompagnati da lunghi applausi e da palloncini bianchi, questi ultimi in forma di omaggio ai bambini della famiglia distrutta dalla piena del fiume Milicia. A officiare le esequie, padre Giuseppe Oliveri, vicario generale della arcidiocesi di Palermo. Sull’altare, con lui, i rappresentati del clero. Assente l’arcivescovo Corrado Lorefice, impossibilitato a esserci perche’ all’estero. A porgere ai familiari il cordoglio della citta’, il sindaco Leoluca Orlando, che ha abbracciato Giuseppe Giordano, il sopravvissuto alla sciagura, che ha perso i familiari. Presenti in chiesa, tra gli altri, il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e l’assessore della sua giunta, Bernadette Grasso.  “Mi trovo lontano da Palermo, ma sento il bisogno di far sentire la mia voce in questo momento di dolore”, cosi’ l’arcivescovo Lorefice, in un messaggio letto a conclusione della messa da un sacerdote in cattedrale. E a conclusione delle esequie, monsignor Filippo Sarullo, parroco della cattedrale, dice ai giornalisti: “Dolore e solidarieta’ da parte della Chiesa palermitana e dal suo arcivescovo. E’ una tragedia che si poteva evitare, le autorita’ competenti faranno il loro corso”. La commozione e’ proseguita all’uscita delle bare, sul sagrato del duomo. Tra la marcia funebre della banda e i rintocchi di campana, gli amici dei familiari ripetevano cori che echeggiavano nella piazza: “I Giordano sempre con noi”. Un interminabile applauso ha accompagnato l’uscita dei feretri di Stefania Catanzaro, 32 anni; la figlia di un anno, Rachele; il figlio Federico, di 15 anni; Antonino Giordano, 65 anni; la moglie Matilde Comito, 57 anni, la sorella Monia Giordano, 40 anni, il fratello Marco, 32 anni; Francesco Rughoo 3 anni, e Nunzia Flamia, 65 anni. L’intera citta’ e’ stata colpita dalla tragedia. Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha proclamato per oggi il lutto cittadino. Il Governo Musumeci, in segno di cordoglio, ha stabilito di issare le bandiere a mezz’asta in tutti i palazzi e gli uffici della Regione. Osservato un minuto di silenzio negli uffici, in coincidenza dell’inizio dei funerali.