Rodia (Me), abitazioni senz’acqua e sversamenti nel torrente: Biancuzzo sollecita interventi [FOTO]

/

I residenti di Contrada Grancabella a Rodia (Me) senza acqua potabile, il consigliere Biancuzzo sollecita interventi: “Utilizzate lo stesso tubo che è stato messo per scaricare l’acqua nel fiume”

Gli abitanti di contrada Grancabella a Rodia (Messina) continuano a restare senza acqua potabile, mentre l’acqua in esubero proveniente dal serbatoio comunale, a pochi passi dalle abitazioni, continua ad essere scaricata nel torrente.

Ad accendere i riflettori sul caso, il consigliere della VI Circoscrizione Mario Biancuzzo che giorni fa ha deciso di informare l’amministrazione e di sollecitare interventi tempestivi. Ad oggi, però, commenta Biancuzzo: “Solo, l’impeccabile e puntuale assessore alle infrastrutture, il dott. arch. ing. Salvatore Mondello  con nota prot. 244759  indirizzata all’AMAM ed inviata al sottoscritto per conoscenza chiedeva di  realizzare interventi finalizzati a rimuovere le criticità da me segnalate“.

Non si riesce a capire quale è il motivo che l’acqua in esubero proveniente dal serbatoio comunale realizzato a pochi passi dalle case viene scaricata nel torrente h 24 per 365 giorni l’anno e non vengono realizzati piccoli lavori per dare l’acqua alle famiglie residenti in contrada Grancabella Rodia– prosegue Biancuzzo- L’acqua è un bene primario e gli Organi preposti hanno il dovere di intervenire per eliminare tale vergogna realizzando gli interventi necessari per consentire agli abitanti di usufruire del preziosissimo liquido. I cittadini residenti sono pronti ad anticipare le somme per effettuare successivamente i contratti con l’AMAM e con le suddette somme anticipate si possono eseguire i lavori. Non ci credo- conclude Biancuzzo– che l’AMAM non dispone di una piccola somma per effettuare i lavori di posa di un tubo per consentire ai cittadini ivi residenti, che pagano regolarmente le tasse, di usufruire dell’acqua. Intanto l’acqua pulita proveniente dal serbatoio comunale si disperde nel torrente Rodia”.