Reggio Calabria, identificate 95 prostitute che “lavoravano” sul Lungomare: 55 sono state allontanate con un “DASPO urbano”, ma 35 sono tornate [DETTAGLI]

Lapresse

Reggio Calabria: attività di controllo e contrasto alla prostituzione su strada. Da inizio anno sono 55 i D.A.SPO. “URBANO” emessi e 32 le donne denunciate per inosservanza di provvedimenti dell’Autorita

ùPer contrastare la prostituzione su strada, coniugando profili di sicurezza pubblica e di sicurezza urbana, in ossequio alle indicazioni normative contenute nel c.d. Decreto Minniti la Polizia di Stato, dall’inizio dell’anno ad oggi ha irrogato 55 provvedimenti di D.A.SPO. “URBANO” ed identificato 95 donne dedite all’attività di meretricio.Il Questore di Reggio Calabria, Raffaele Grassi, in qualità di Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza, ha emesso i divieti di accesso in determinate aree della città a quei soggetti che con la loro presenza intralciano la fruizione di infrastrutture pubbliche, costituendo pericolo per la sicurezza pubblica. Con tali provvedimenti la Polizia di Stato vuole arginare il fenomeno della prostituzione che  ingenera un notevole disvalore sociale e procura ingenti profitti illeciti a chi lo gestisce.

Nelle zone della città interessate al fenomeno della prostituzione su strada, sono stati effettuati numerosi interventi per la realizzazione di un sistema di sicurezza integrata, fortemente voluto dal Questore Grassi, che, con la collaborazione interistituzionale, ha consentito di emanare i provvedimenti di D.A.SPO Urbano e le misure di prevenzione personali nei confronti di prostitute straniere che esercitano il meretricio.L’inosservanza al D.A.SPO costituisce reato e difatti dal 1° gennaio ad oggi sono state denunciate per inosservanza di provvedimenti dell’Autorità 32 donne, responsabili di non aver ottemperato al divieto di accesso imposto in determinate aree per lo più individuate presso il lungomare Falcomatà, la Stazione Garibaldi e la Pineta Zerbi.Un messaggio forte per lottare contro il degrado ed ovviare al fenomeno della prostituzionee una linea decisa della Questura che, per come previsto dalla normativa attuale, ha in corso d’istruttoria misure di prevenzione personali, quale la sorveglianza speciale, per quei soggetti ritenuti pericolosi per la sicurezza e per la pubblica moralità.