Reggio Calabria: “criticità ambientali determinati da mancanza di servizi igienici pubblici”

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

Reggio Calabria, la nota di Vincenzo Crea sulla mancanza di servizi igienici pubblici

“Giungono alla nostra  associazione da più parti doglianze di cittadini italiani anziani, comunitari e non  in attesa nel palazzo della Questura di Reggio Calabria ingresso cortile via Nino Bixio di ricevere  visti di soggiorno e disbrigo di altre pratiche amministrative per l’ottenimento della Cittadinanza – regolare residenza di soggiorno in Italia”. Lo afferma in una nota Vincenzo Crea Referente unico dell’ANCADIC e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”.
Nello specifico questi cittadini comunitari e non, oggi numerosi nella nostra provincia che si sono regolarmente integrati unitamente con i propri familiari, nuclei familiari compresi i bambini, hanno necessità di un servizio igienico in ambito della Questura. Per la verità dei fatti dicono che di fronte al cortile della Questura sulla via Nino Bixio c’è un bar e un ufficio postale che bontà loro gli consentono ai bambini di fare uso del servizio igienico, e che per tale concessione intendono ringraziare. Molti altri, essendo decine e decine di persone adulti in attesa dell’apertura dello sportello  ingresso del cortile  della Questura, molto spesso per necessità vanno nella villa comunale dietro gli alberi  o in angoli della stessa per urinare, con disagio della propria dignità e le invettive, in qualche circostanza, di qualche visitatore della nostra villa comunale,  creando danno all’ambiente e per quanto ci riguarda all’immagine della nostra città. Signor Sindaco a ricordo della nostra gioventù, un tempo nella villa comunale c’erano i bagni pubblici antistante le gabbie degli animali, perché oggi non vengono riaperti e assegnati per la gestione acca/24 a terzi cittadini che ne hanno  le qualità economiche e morali, visto che questo Comune non ha possibilità economiche di assumere personale per servizi igienici, non  solo in questo caso ma di tutta la città”.

Foto di Vincenzo Crea

“Oggi mentre compilo la presente è giorno della tradizionale discesa del Quadro della Madonna della Consolazione e il millenario fiume di persone in processione dietro il Quadro della madonna avrà sicuramente bisogno di qualcosa per tale necessità. Ci viene da suggerire un servizio igienico ambulante  dietro la processione che determina civiltà e  soddisfi  necessità  umane  del  popolo pellegrino.  Anche  in  questo  caso  la richiesta ci è venuta da persone anziane che nonostante la vetusta età non tralasciano di essere presenti alla processione della Madonna. Fiduciosi in una favorevole valutazione della presente richiesta e un conseguente solerte intervento ringraziamo e ci è gradita l’occasione per porgere cordiali saluti”.