Nomine Amam, Missione Messina: “Anche su Cipollini avevamo ragione”

Zuccarello: “Se Cipollini ha deciso di lasciare il suo posto a Messina, lo faccia senza i mesi di preavviso e faccia in modo che l’azienda non abbia ripercussioni derivanti dal doppio incarico, né economiche né organizzative”

“Era l’11 gennaio del 2017 quando in conferenza stampa dichiaravo che andava bloccato l’iter per la nomina del nuovo direttore generale AMAM, Claudio Cipollini, perchè non aveva i requisiti previsti dal bando. Questa nomina rappresentava una forzatura, ma l’amministrazione ha proseguito imperterrita.
Solo qualche mese dopo la Procura ha aperto un fascicolo: non avevo torto a chiedere chiarezza sul fatto che Cipollini era stato direttore di  Rete Camere, società che aveva meno di 50 dipendenti, mentre il bando richiedeva minimo 70“- è quanto racconta il presidente di Missione Messina, Zuccarello, che prosegue:
Oggi scopriamo che non è stata l’unica stranezza nel rapporto tra l’Amam e il manager. Oggi scopriamo che nonostante lo statuto dell’Amam richiedesse un impegno esclusivo e full time con il direttore generale, l’ex presidente Leonardo Termini firmò la deroga al divieto, autorizzando Cipollini ad avere anche un altro incarico. Da mesi quindi il dottor Cipollini ha due poltrone ed anche due impegni gravosi, ma ben retribuiti.  All’epoca, come spesso accadeva, sono stato accusato dalla vecchia amministrazione di dire falsità, ho anche subito delle forti pressioni, mi è stato anche risposto: “Cipollini non si tocca””.
“E’ chiaro– commenta Zuccarello- che  la figura di Cipollini faceva comodo a qualcuno, gli incarichi esterni ne sono prova, cosi come gli affidamenti esterni alle ditte. Apprendo adesso che Cipollini ha deciso di lasciare l’incarico, dice che lo fa con rammarico, e comprendo anche il perché. Stando a quanto scrive lui, ha fatto in 20 mesi più di Superman in un paio di film, ma allora  perché l’erogazione idrica è ancora in condizioni vergognose? Si chiede se ci sia stata qualche talpa a dare notizia sul suo doppio incarico, ma è sotto gli occhi di tutti lo stato del servizio ed è diritto dei cittadini messinesi, ai quali deve lo stipendio, sapere se lui opera in via esclusiva e col massimo impegno o meno”. 
“Mi stupiscono- continua Zuccarello- le dichiarazioni del presidente dell’Amam, Salvatore Puccio che, nel ringraziare Cipollini evidenzia una situazione ancora critica. Se è ancora critica, perché gli è stata riconosciuta anche l’indennità di risultato?”.
“L’Amam- conclude– ha bisogno di un manager a tempo pieno ed invito l’attuale amministrazione De Luca e l’attuale CdA a non ripetere gli errori dell’ex presidente Termini, che autorizzando la deroga ha messo i futuri amministratori dell’Amam nella condizione di subire una condizione di minor funzionalità e presenza del Direttore Generale. Se Cipollini ha deciso di lasciare il suo posto a Messina, lo faccia senza i mesi di preavviso e faccia in modo che l’azienda non abbia ripercussioni derivanti dal doppio incarico né economiche né organizzative”.