Messina, esordio flop per lo Shuttle: lunghe attese alle fermate e tabella di marcia non rispettata. È guerra alla sosta selvaggia

Esordio flop per la nuova linea Shuttle a Messina, il traffico cittadino manda in fumo la tabella di marcia dei bus: scatta l’operazione tolleranza zero contro la sosta selvaggia, carro-attrezzi in azione per liberare le strade

O la finiamo tutti quanti di farci i fatti nostri trasgredendo le regole così i servizi potranno funzionare meglio oppure continueremo a pagare il prezzo della nostra noncuranza“. Lo aveva detto ieri il sindaco di Messina Cateno De Luca, riferendosi al nuovo piano di trasporto urbano Atm, entrato in vigore il 6 ottobre scorso. Da sabato mattina, 10 mezzi Atm collegano la città da Giampilieri a Torre Faro, con collegamenti a pettine con i villaggi collinari. Una manovra, quella di Atm, che prometteva di rivoluzionare in toto il trasporto pubblico, ma che di fatto, stando ai primi risultati, ha evidenziato più di qualche falla.  Il caos stradale e le auto in doppia fila, hanno praticamente mandato in fumo la tabella di marcia degli shuttle, con ritardi tra una partenza e l’altra di quasi un’ora, mentre teoricamente il lasso di tempo previsto sarebbe dovuto essere di 20 minuti. Gli orari non sono stati rispettati, le attese alle fermate hanno sforato oltremodo i tempi previsti e in tantissimi casi è capitato di incontrare in città uno shuttle dietro l’altro. Anche stamattina la linea 1 shuttle ha portato ritardo: sarebbe dovuta passare dal Cavallotti alle ore 8.10, è arrivata al Cavallotti alle ore 8.24, e ripartita dalla stessa fermata alle 8.32. Proprio ieri il sindaco scriveva: “Il nuovo piano di mobilità urbana funzionerà soltanto se ognuno farà la propria parte” e per risolvere il problema De Luca ne  pensa una più del diavolo: il sindaco ha disposto che la polizia municipale scorti lo shuttle, per multare tutte le auto che sosteranno negli appositi spazi riservati alle fermate. Da questa mattina è scattata l’operazione tolleranza zero: i carro attrezzi sono a lavoro per rimuovere ogni mezzo che ostacoli il percorso dei bus, un’operazione titanica praticamente impossibile da realizzare in tutta la città. Sempre stamattina a Torre Faro, intorno alle nove e mezza, sono passati 4 shuttle in fila. Tante, troppe, le auto in doppia in fila davanti alle scuole della città.