Messina, scuola Principe di Piemonte: vertice a Palazzo Zanca con il vicesindaco

Il Vicesindaco di Messina  Mondello ha esposto il programma dell’Amministrazione comunale che prevede, nell’arco di un anno, di redigere tutti i progetti di manutenzione dei plessi scolastici, con particolare riferimento alle tematiche inerenti la vulnerabilità sismica e antincendio

Si è svolto stamani, martedì 2, negli uffici del vicesindaco Salvatore Mondello, un incontro finalizzato a rappresentare lo stato dell’arte del plesso scolastico Principe di Piemonte. Presenti alla riunione il presidente della III circoscrizione Natale Cucè, con il consigliere Mario Barresi; la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo E. Drago/Principe di Piemonte Giusy Scolaro; l’arch. Giovanni Mazara, responsabile servizio sicurezza e prevenzione; e il dott. Giuseppe Minutoli, componente del Consiglio d’Istituto. Il Vicesindaco ha esposto il programma dell’Amministrazione comunale che prevede, nell’arco di un anno, di redigere tutti i progetti di manutenzione dei plessi scolastici, con particolare riferimento alle tematiche inerenti la vulnerabilità sismica e antincendio. “Per questa attività – ha dichiarato il Vicesindaco – sono state individuate le necessarie somme nel Pon Metro, per un importo di 6 milioni di euro, mentre per l’esecuzione dei lavori previsti dalle progettazioni si prevede un periodo di tre anni”. La dirigente Scolaro, prendendo atto delle parole del Vicesindaco, auspica che “finalmente la nuova Amministrazione attenzioni l’edilizia scolastica della città di Messina da anni trascurata e oggetto di incuria”. “Come presidente della terza circoscrizione – ha aggiunto Natale Cucè – prendo atto della disponibilità dell’Amministrazione a volere incontrare l’Istituzione e il dirigente scolastico, affrontando il problema con soluzioni reali e non utopistiche. Si spera che la scuola Principe di Piemonte ritorni, funzionando nella sua interezza, ad essere una delle più belle scuole della città”. Anche il consigliere Barresi ha espresso piena soddisfazione per le parole del Vicesindaco, che “ha rappresentato soluzioni concrete e fattibili”, e ha colto l’occasione per invitare lo stesso ad un sopralluogo, da effettuare al più presto nel plesso scolastico. L’arch. Mazara infine auspica che “percorso intrapreso oggi con la Principe di Piemonte sia esteso alle altre scuole cittadine che versano in situazioni di criticità”.