Dipendenti fannulloni a Messina, Sicilia Futura: “Vanno mandati a casa”

Messina, Sicilia Futura: “Tanti dipendenti hanno vissuto una vita da precari e vanno riqualificati. I fannulloni invece vanno mandati a casa”

Il Sindaco Cateno De Luca ha detto: “Noi difendiamo il lavoro, intenso come competenza messa al servizio della comunità, non difendiamo semplici posti di lavoro dati spesso senza concorsi secondo logiche di appartenenza a gruppi di potere; non difendiamo il diritto allo stipendio ma il diritto al lavoro, che è cosa ben diversa.” Il nostro Segretario Regionale Beppe Picciolo vuole pubblicamente sottoscrivere questa considerazione del Sindaco perché ne condivide forma e contenuto. Tra i lavoratori messinesi certamente ci sono percentualmente alcuni fannulloni, alcuni figli della prima e della seconda Repubblica (anche se non bisogna fare di tutta l’erba un fascio), alcuni ahimè abituati a svolgere mansioni diverse da quelle per cui erano stati assunti, ma di sicuro abbiamo tante persone che hanno vissuto una vita da precari, sempre in attesa di una stabilizzazione o di una riqualificazione professionale. Sig Sindaco, meglio Cateno, questi uomini e donne noi dobbiamo metterli a lavorare ed a produrre, anche riqualificandoli, perché loro il diritto al lavoro se lo sono conquistato sul campo. I fannulloni, nei modi e nei tempi previsti dalle leggi, quelli lasciamoli pure a casa! Senza guardarne provenienze o connivenze ! Ma solo quelli…nomi e cognomi: uno per uno!“- è quanto dichiriano i consiglieri di Sicilia Futura a Messina.