Messina, De Luca non si dimette da deputato regionale: “Resto all’Ars per fare una cortesia a Lo Giudice”

Il sindaco di Messina mantiene l’incarico all’Ars: “resto per fare una cortesia a Danilo Lo Giudice”

Cateno De Luca resta sindaco di Messina, ma anche deputato regionale. Proprio ieri il presidente dell’Ars Micciché aveva rilevato che la Commissione verifica dei poteri alla Regione al momento non può essere costituita perché i componenti della commissione sono sottoposti a ricorso elettorale (leggi qui i dettagli). Intanto, proprio stamattina, il sindaco della città dello stretto, che durante l’ultima fiume in aula, al termine dell’approvazione del Salva Messina, aveva annunciato le imminenti dimissioni da onorevole regionale (e la contestuale revoca delle dimissioni da sindaco), ha pubblicato sulla sua pagina fb un post in cui dà la sua versione dei fatti, parlando di “una cortesia” nei confronti di Danilo Lo Giudice, il primo dei non eletti all’Ars che subentrerà quando De Luca lascerà l’incarico a Palermo.

Ecco cosa ha scritto il sindaco su fb:

QUANDO NON SI È SCHIAVI DELL’AMBIZIONE …

Cateno mi fai la cortesia ? Se puoi rimani ancora per qualche mese deputato al parlamento siciliano ?

Perché Danilo ? Io avevo programmato le mie dimissioni per il cinque novembre !

No Cateno ! Sono papà da pochi giorni ed ho bisogno di tempo per stare con mia moglie e mio figlio Marco.

Va bene Danilo ! Vediamo se posso rimanere in carica fino a fine novembre ma non oltre !

Grazie Cateno anche per questa tua disponibilità !”