Messina, Valvieri: “Tempi certi per gli interventi in via Garibaldi”

Messina,  il presidente de Le Vetrine di via Garibaldi chiede risposte certe e una seria programmazione degli interventi di messa in sicurezza e recupero della zona

Il presidente dell’associazione Le Vetrine di via Garibaldi, Lillo Valvieri, interviene  nel dibattito politico cittadino per chiedere risposte certe ed una seria programmazione per gli interventi in via Garibaldi a Messina.

“Abbiamo atteso alcuni mesi per dare la possibilità alla nuova amministrazione di insediarsi e comprendere lo stato delle cose all’interno della macchina comunale, ma adesso, su sollecitazione soprattutto dei commercianti e degli abitanti della zona, crediamo sia giunto il momento di ricevere risposte concrete alle istanze da noi presentate nel corso di questi mesi e relative agli annosi problemi della via Garibaldi“, afferma Valvieri.

Il presidente Valvieri mostra preoccupazione anche per l’attuale scenario politico cittadino: “L’onestà intellettuale di questa associazione ci ha permesso di non avere capi politici di riferimento e, per questa ragione, molteplici interlocutori che ci hanno sempre rassicurato sulle sorti della via Garibaldi. Ma la stagione delle piogge sta per abbattersi sulla nostra città e molti alberi pericolanti che investono direttamente le abitazioni non sono ancora stati potati. I problemi della vita reale sono prioritari rispetto a quelli del mondo politico“.

Con amore, disponibilità e grande impegno per la cittadinanza, in modo totalmente gratuito – prosegue il presidente Valvieri – abbiamo cercato di far comprendere a questa amministrazione l’importanza degli interventi richiesti dalla nostra associazione: da una regolamentazione dei parcheggi per incontrare la volontà di cittadini e commercianti al progetto di una via dell’Arte e della Bellezza la cui realizzazione costerebbe circa 90.000 euro e che intendiamo presentare alla cittadinanza quando anche i nostri interlocutori saranno disposti a fare un passo in avanti“.

Per tutte queste ragioni Valvieri chiede un accoglimento delle istanze presentate: “Trasformare la via Garibaldi da una via di collegamento ad un luogo di attrazione turistica, quindi anche con l’abbattimento delle barriere architettoniche, – conclude il presidente dell’associazione Le Vetrine di via Garibaldi – permetterebbe ai cittadini di vivere al meglio una delle più belle zone della nostra città”.