Locri (Rc): stato di agitazione per i lavoratori dell’Unità Coronarica

Locri (Rc), Cisl Fp: “dopo oltre cinque anni di soprusi e vessazioni e minacce i lavoratori dell’Unità Coronarica entrano in stato di agitazione”

“Considerato che ormai il livello di attesa e la fiducia che i Lavoratori dell’UTIC hanno avuto nei confronti della Direzione Strategica è stato inutile e deludente,  che da circa cinque anni viene denunciato un clima invivibile nel Reparto e nonostante i provvedimenti di trasferimento ad altre Unità Operative di alcuni Dipendenti, la disposizione impartita dal Direttore Generale è quotidianamente disattesa, tenuto conto che  più volte la Direzione Strategica nonostante abbia verificato ed ammesso la condizione grave e dannosa per i Lavoratori e per l’assistenza, non ha adottato nessun provvedimento, i Lavoratori si sono riuniti in assemblea in data 10/10/2018. La CISL FP è addirittura venuta a conoscenza di un clima di vendetta che viene puntualmente applicato nei confronti dei Lavoratori che hanno avuto il coraggio e la responsabilità di denunciare la grave condizione in cui  operano ma anche le minacce di morte e i danneggiamenti di alcune loro autovetture, tutte condizioni puntualmente denunciate alle Autorità Competenti. La Strategia di vendetta che viene “inflitta” ai Lavoratori dell’UTIC, consiste nel lasciare in turno un solo Infermiere e al massimo una unità di Supporto, per come dimostrano i turni di servizio e le testimonianze disponibili, garantendo invece nel Reparto attiguo più risorse nonostante il più basso indice di intensità di cure. La CISL FP che raccoglie la disperazione e il dissenso manifestato agli organi Aziendali, colpevoli di aver permesso certe condizioni e soprattutto di averle mantenute per tanto tempo, riceve da parte dei Lavoratori dell’UTIC riuniti in Assemblea, il mandato di proclamare lo stato di agitazione nell’attesa di fissare una o più giornate di sciopero, rispettando tutte le condizioni e i contingenti minimi per garantire il servizio. La CISL FP ha comunicato tale necessaria azione a sua Eccellenza il Prefetto di Reggio Calabria, alla Direzione Strategica e alla  Procura della Repubblica di Locri per verificare l’eventuale presenza di colpevolezza nei confronti di chi potrebbe aver sottovalutato, mantenuto, non ottemperato o garantito l’opportuna vigilanza a cui obbliga  il ruolo rivestito. La CISL FP si augura che questa responsabile tutela possa servire per evitare il perdurare e il perpetrarsi di tali assurde ed incredibili situazioni che nella martoriata e mal gestita ASP di Reggio Calabria vengono però mantenute”. E’ quanto scrivono in una nota il segretario generale Vincenzo Sera ed il segretario generale aggiunto Giuseppe Rubino.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...