Alluvione in Calabria: all’aperto i funerali dei tre morti a Lamezia Terme

Alluvione in Calabria: all’aperto i funerali dei tre morti a Lamezia Terme. Si prevedono tremila persone alle esequie

Si terranno all’aperto, in un’area adiacente la Chiesa di Santa Caterina di Gizzeria, i funerali di Stefania Signore (30 anni) e dei figlioletti Cristian (7 anni) e Nicolo’ Frijia (2 anni), le tre vittime dell’alluvione che lo scorso 4 ottobre ha flagellato la Calabria. La decisione di tenere i funerali all’aperto è stata dettata, anche in considerazione della giornata di sole, dall’esigenza di consentire il massimo afflusso alle esequie, tanto è vero che si prevedono tremila persone per l’ultimo saluto alla giovane mamma e ai due piccoli figli. Nell’area dei funerali, in un clima di silenzio e di profondo dolore e commozione, gia’ incominciano ad arrivare i primi concittadini delle tre vittime, che gia’ si sono stretti al marito di Stefania e padre dei due bambini, Angelo Friija: il corteo funebre dovrebbe muoversi dalla casa funeraria e passare poi da casa Frijia, non distante dal luogo delle esequie, per arrivare nell’area predisposta per i funerali, il cui inizio e’ fissato alle 15,30. Dietro il palco allestito per la celebrazione liturgica campeggia uno striscione in omaggio a Stefania e ai figlioletti che recita “… E se tu guardi su sono le cose piu’ belle a far brillare le stelle”. A presiedere la cerimonia sara’ il vescovo di Lamezia Terme, monsignor Luigi Cantafora. Molti i volontari della Protezione civile, impegnati soprattutto nelle ricerche del corpicino di piccolo Nicolo’, recuperato solo ieri, presenti nell’area dei funerali.