“Io sono donna”: a Reggio Calabria una giornata dedicata al benessere delle ospiti dei centri antiviolenza [FOTO e INTERVISTE]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

A Reggio Calabria una giornata dedicata al benessere delle 20 ospiti dei centri antiviolenza

Una giornata di Ben_ESSERE per 20 donne vittime di violenza della Città di Reggio Calabria. Il CIFAP  con la dott.ssa Fortunata Raffail ed il Consigliere Comunale Mary Caracciolo hanno realizzato la seconda Edizione dell’iniziativa “Io sono donna”, dedicata alle donne vittime di violenza.

L’evento rappresenta un insieme di azioni positive, concrete ed efficaci per non lasciare queste ragazze da sole in un momento così delicato della loro vita, in cui invece abbisognano di sostegno, confronto e supporto per il reinserimento sociale.

La giornata si è concretizzata in una giornata di “ben-essere” per venti donne provenienti dal centro antiviolenza Angela Morabito e Casa Accoglienza e Centro Castellini.

L’iniziativa è stata molto apprezzata dalle donne presenti, accolte dal calore delle corsiste e stranite da una situazione nuova per loro, un SERVIZIO di coccole  mai sperimentato prima, che pone finalmente al centro l’IO di queste donne, già provate dalla vita.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

L’incontro ha rappresentato un momento di riflessione e sensibilizzazione sulla tematica della lotta alla violenza sulle donne.

Purtroppo, i dati mostrano che l’Italia e ancor più la nostra terra abbisogna di questi momenti di riflessione affinché si realizzi una vera e propria inversione di tendenza.

Le Istituzioni e la società civile tutta devono nella quotidianità dimostrarsi vicini alle donne vittime di violenza, nella consapevolezza che coloro che compiono vili atti non possono essere degni di essere definiti “uomini”.