Giovani Democratici contro il sindaco De Luca: “Campagna elettorale blasfema, nel Salva Messina scelte scellerate”

GD: “Le famiglie messinesi andrebbero aiutate, non condannate a vivere in una Città con più disoccupati e senza servizi”

I Giovani Democratici della Federazione di Messina assistono “preoccupati alle notizie che si susseguono da giorni sulla volontà del Sindaco di tagliare servizi pubblici essenziali e di licenziare i lavoratori. La proposta del tutto impropriamente è stata chiamata Salva Messina”.

“Non capiamo– dichiara il segretario Massimo Parisi-come si possa pensare che la soluzione ai problemi della Città sia quella di eliminare voci del bilancio come trasporti, servizi sociali e stipendi. Le famiglie messinesi andrebbero aiutate, non condannate a vivere in una Città con più disoccupati e senza servizi. In fondo, se vengono definiti essenziali, è perché vanno garantiti per migliorare le condizioni di chi è in maggiore difficoltà; risulta del tutto irresponsabile la politica dei tagli o la delega ai privati. Come possiamo pensare che con scelte scellerate la Città si possa salvare?”

I Giovani Democratici consigliano al sindaco di tagliare gli sprechi, non i servizi e i posti di lavoro: “Apprezziamo per questa ragione l’impegno dei sindacati per fornire proposte alternative e più efficaci per risolvere i problemi”. Un commento poi sulle soluzioni adottabili:Nonostante l’urgenza di dare risposte, non accettiamo soluzioni dettate dalla fretta, che non faranno altro che aggravare le condizioni di difficoltà di Messina. Ricordiamo al Sindaco che Padre Annibale Maria di Francia ha dedicato la sua vita a fianco delle persone più deboli non ad abbindolarle. Si consiglia un uso più rispettoso della Storia della Città; la propaganda da campagna elettorale quando si esagera rischia di diventare blasfemia“.