Corruzione e falsità ideologica: misure cautelari per una dirigente della Regione Calabria e un’imprenditrice

Corruzione: 2 misure cautelari nei confronti di una dirigente della Regione Calabria e di un’imprenditrice operante nel settore turistico

Nella mattinata odierna i militari del nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Catanzaro, coordinati e diretti dalla Procura della Repubblica di Catanzaro, hanno eseguito due misure cautelari nei confronti di una dirigente della Regione Calabria e di un’imprenditrice del Vibonese operante nel settore turistico, indagate per corruzione e falsità ideologica.

I particolari dell’operazione saranno illustrati questa mattina dal procuratore aggiunto della Repubblica dott. Vincenzo Capomolla presso la sede del comando provinciale della guardia di finanza di Catanzaro.