Traffico di droga tra Italia e Costa Rica: 29 arresti, ai vertici due fratelli della provincia di Reggio Calabria [FOTO, NOMI, DETTAGLI]

  • uff.stampa polizia di stato/LaPresse
    uff.stampa polizia di stato/LaPresse
  • uff.stampa polizia di stato/LaPresse
    uff.stampa polizia di stato/LaPresse
  • uff.stampa polizia di stato/LaPresse
    uff.stampa polizia di stato/LaPresse
  • uff.stampa polizia di stato/LaPresse
    uff.stampa polizia di stato/LaPresse
  • uff.stampa polizia di stato/LaPresse
    uff.stampa polizia di stato/LaPresse
  • uff.stampa polizia di stato/LaPresse
    uff.stampa polizia di stato/LaPresse
  • uff.stampa polizia di stato/LaPresse
    uff.stampa polizia di stato/LaPresse
/

Traffico di droga tra Italia e Costa Rica: eseguite due ordinanze di custodia cautelare nei confronti di 29 persone accusate di associazione a delinquere, un un gruppo era capeggiato da fratelli oroginari della provincia di Reggio Calabria

La Squadra mobile di Milano ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare nei confronti di 29 persone accusate di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti.
Si tratta di due diverse organizzazioni criminali emerse dall’indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano che ha portato agli arresti in Italia e Spagna. Sono stati sequestrati 219 chili di cocaina, oltre a diverse armi. L’attività condotta dalla Sezione Antidroga della Squadra Mobile ha interessato un gruppo capeggiato dai fratelli Cilione, Pietro e Giuseppe, originari della provincia di Reggio Calabria, e composta da diversi soggetti (la maggior parte legati da vincoli di parentela), che – secondo l’accusa – gestiva con una struttura di tipo ‘imprenditoriale’ le piazze di spaccio del quartiere Bonola e della zona vicino Robbio, comune in provincia di Pavia.