Villa San Giovanni: spostamento degli approdi a sud, le precisazioni della consigliera Gioè

La consigliera Gioè precisa: “Serve un progetto di riqualificazione del Water front e del Porto di Villa San Giovanni, ma non sono necessari nuovi approdi a sud”

“Con riferimento alle notizie ultimamente pubblicate su alcune testate giornalistiche, in merito allo spostamento degli approdi a sud del porto di Villa San Giovanni, tengo a precisare che la sottoscritta, come erroneamente riportato negli articoli, non ha votato a favore della mozione per la loro realizzazione, punto 3) all’ordine del giorno del Consiglio comunale svoltosi il 20/12/2017.

Come ho affermato anche nella mia dichiarazione di voto, serve, sì, un progetto di riqualificazione del Water front e del Porto di Villa San Giovanni ma non sono necessari nuovi approdi a sud.

L’opera, inutile e costosa, causerebbe la devastazione di altro patrimonio costiero di grande qualità paesaggistica e turistica (si potrebbe, ad esempio, riqualificare la spiaggia dalla foce del torrente Catona fino al Molo di ponente del Porto di Villa) e sposterebbe l’inquinamento da una parte all’altra della Città.

Per la risoluzione del problema esistente, inerente il traffico gommato all’interno del centro cittadino, secondo il movimento che rappresento, in piena sintonia con i principi ispiratori del M5S, possono essere intraprese azioni diverse, valutando fattibili ipotesi progettuali che con minor dispendio di soldi risolverebbero l’annosa questione.

La soluzione che meglio salvaguarderebbe il nostro territorio, è già a portata di mano, risolvendo i problemi in tempi brevissimi: una riprogettazione degli approdi RFI già esistenti, con potenziamento del trasporto pubblico di automezzi, a tariffe agevolate per i residenti e a garanzia della continuità territoriale, potrebbe essere la strada giusta“- è quanto dichiara la portavoce del M5S Milena Gioè.