Vendemmia: assessore Pan, in Veneto si profila ottima (2)

(AdnKronos) – ‘Le prospettive sono quindi rosee, ma non bisogna autocompiacersi. Per sfruttare tutte le potenzialità del mercato occorre incentivare gli investimenti su ricerca, innovazione e puntare sulla semplificazione, per rendere le nostre aziende sempre più competitive sui mercati internazionali”, avverte l’assessore veneto. Il vino è un prodotto con un forte appeal a livello internazionale, ambasciatore del Made in Italy nel mondo, veicolo e simbolo del Made in Italy. E il Veneto, prima regione d’Italia per export e forte di 53 etichette a denominazione, è sicuramente l’alfiere del vino ‘tricolore’, in particolare con il Prosecco, il vino più conosciuto e venduto al mondo, a cui si affianca la prima vendemmia delle uve della doc del Pinot grigio delle Venezie, un altro vino che porta i simboli e i sapori delle terre di San Marco in tutta Europa e nel mondo”
‘L’incremento di produzione del 2018 avrà un effetto positivo sulla ripresa delle esportazioni italiane nei mercati internazionali, con la prospettiva di superare la soglia dei 2,2 miliardi di euro a fine anno”, auspica Pan .
Ben vengano quindi le misure del Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo che anche nel corso del 2018 ha assegnato una cospicua dotazione finanziaria, circa 35 milioni di euro, per le misure della riconversione e ristrutturazione di vigneti in veneto, degli investimenti per la trasformazione dell’uva e per la promozione e commercializzazione dei vini veneti sui mercati extraeuropei. ‘Tre misure – conclude Pan ‘che aiutano le nostre realtà vitivinicole a mantenere alta la loro qualità e ad andare sui mercati internazionali con un differenziale positivo di valore legato alla distintività del vino Dop e Igp”.