Stato di emergenza a Messina, arriva la proposta di legge della deputazione di Forza Italia. Siracusano: “Pieno sostegno al sindaco De Luca”

La deputata di Forza Italia ha presentato una proposta di legge alla Camera dei Deputati, sottoscritta dall’intera deputazione sicilia di Forza Italia, che prevede un piano di risanamento per l’eliminazione degli alloggi impropri, da realizzarsi entro cinque anni, per restituire a Messina il decoro e la dignità che merita

“Un lavoro corale e sinergico per mettere in campo tutte le misure necessarie affinché il tanto atteso risanamento di Messina venga portato a compimento nei tempi e nei modi più celeri possibili’‘.  È quanto dichiara la deputata di Forza Italia Matilde Siracusano (Fi), che oggi ha presentato una proposta di legge alla Camera dei Deputati, sottoscritta dall’intera deputazione sicilia di Forza Italia. ”La macchina attivata dal sindaco De Luca al quale va il mio ringraziamento di messinese oltre che un sincero plauso, va adesso sostenuta in modo forte. Spetta ora al Governo, alla luce della gravissima situazione socio-sanitaria e ambientale che interessa diversi ambiti territoriali di Messina, deliberare al più presto lo stato di emergenza di rilievo nazionale, ai sensi dell’articolo 24, del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1”. Matilde Siracusano fa riferimento ai contenuti della proposta di Legge del 6 aprile 60, presentata dagli allora parlamentari De Pasquale, Li Causi, Pezzino, Gatto e Failla, e consegnatale dal De Luca, che ne ha ribadito la forte attualità dei contenuti. ‘‘Alla luce delle particolari condizioni di emergenza in cui versa la città – aggiunge Siracusano – la presente proposta di legge propone un piano di risanamento per l’eliminazione degli alloggi impropri, da realizzarsi entro cinque anni, per restituire a Messina il decoro e la dignità che merita’‘. Nel documento presentato dell’On. Siracusano si legge : ”Forza Italia ha sempre posto in primo piano la questione del diritto alla casa e la centralità della persona e della sua dignità. Oggi più che mai ribadiamo questa nostra priorità. È un momento storico: la baraccopoli vede così la sua fine definitivamente nella città dello Stretto’‘.