A Reggio Calabria una giornata di interclub all’insegna del binomio “cultura e natura”

Il Rotaract Reggio Calabria ed il Rotaract Reggio Calabria Sud Parallelo 38, nell’ambito dell’Azione Pubblico interesse, promuoveranno una giornata di interclub all’insegna del binomio “cultura e natura”

Il Rotaract Reggio Calabria ed il Rotaract Reggio Calabria Sud Parallelo 38, nell’ambito dell’Azione Pubblico interesse, promuoveranno una giornata di interclub all’insegna del binomio “cultura e natura”. La giornata sarà patrocinata dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte e dal Comune di Bova, e inizierà alle ore 10:30, con una magica e suggestiva visita all’interno di quella che è ritenuta la capitale ellenofona della Calabria greca, Bova. La visita, guidata da Noemi Evoli, permetterà ai tanti partecipanti di vivere un’esperienza suggestiva, tra i vicoli e i luoghi di culto dell’antico borgo aspromontano. Alle ore 16:00, poi, presso Sala Biblioteca Franco Mosino – Museo della Lingua Greco-Calabra “Gerhard Rohlfs”, avrà inizio il convegno dal titolo “Cultura e natura nella montagna. Il Parco dell’Aspromonte e la città metropolitana di Reggio Calabria tra conservazione della biodiversità e nuovi scenari territoriali”. Dopo gli inni ed i saluti Istituzionali, i lavori saranno moderati da Antonio Napoli, delegato di zona Calabria Enotria del Rotaract Distretto 2100, seguiranno gli interventi dei relatori:

  • Serena Palermiti, Geologa ed interprete ambientale, con la relazione dal titolo:” Aspromonte Geopark Project”: Memoria della Terra, Visioni e Visionari al servizio dello Sviluppo Ecosostenibile del territorio;
  • Grazia Gioé, Urbanista e Policy Maker, Ricercatore Senior, Dipartimento Turismo e Beni Culturali della Regione Calabria, con la relazione dal titolo: Per una Governance Sostenibile della Città Metropolitana di Reggio Calabria, il Parco Nazionale d’ Aspromonte quale “Corona Verde del suo Futuro Scenario Territoriale ed Urbanistico”;
  • Giuseppe Bombino, Ricercatore e docente presso l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, con la relazione: Strategie di valorizzazione della montagna nel contesto della città metropolitana.

Il convegno, quindi, avrà uno scopo duplice. Da un lato, far conoscere l’Aspromonte nelle sue mille sfaccettature: dalla conformazione con le peculiarità geologiche, all’elevata biodiversità di flora e fauna, passando per le numerose tracce della sua millenaria storia sino alle antiche tradizioni ancora vive. Dall’altro, sensibilizzare la platea a sostenere la candidatura del Parco dell’Aspromonte all’UNESCO Global Geoparks. L’UNESCO Global Geoparks è uno strumento di valorizzazione Geo-Culturale che può consentire importanti ricadute in termini sociali ed economici all’interno della città metropolitana di Reggio Calabria. Pertanto i Rotaract Reggini non potevano rimanere indifferenti a questo importante appuntamento e nell’occasione i due presidenti, come forma di service, compileranno e firmeranno i moduli di sostegno alla candidatura, partecipando a quella che sarà l’inizio di una “nuovo percorso storico” per l’Aspromonte e per tutto il territorio metropolitano.