Roma: in migliaia in piazza alla manifestazione del PD [FOTO]

  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • LaPresse/Fabio Cimaglia
    LaPresse/Fabio Cimaglia
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
  • Daniele Leone/LaPresse
    Daniele Leone/LaPresse
/

In migliaia hanno manifestato a Piazza del Popolo a Roma. In tantissimi hanno partecipato alla manifestazione del Pd al grido di “Unità, unità, unità”

Il PD ha manifestato in piazza del Popolo a Roma. In 70.000 hanno partecipato alla manifestazione al grido di “Unità, unità, unità”. Lo spunto è stato dato dal primo oratore Federico Romeo, il minisindaco di Val Polcevera a Genova, dove è crollata il Ponte di Morandi. Il segretario Maurizio Martina ha accolto alla stazione termini il primo treno speciale da Milano.  ‘Come sempre la nostra gente ci sa stupire – ha poi twittato – soffre e lotta, si mette in gioco e partecipa. Questa piazza è per l’Italia. Grazie a tutte e a tutti“. “Mi sembra una buona ripartenza non solo per il Pd: in piazza ho visto tante persone che non sono del Pd ma che vogliono opporsi a questo governo populista“, ha detto Carlo Calenda. “Sono 25 anni che non vado ad una manifestazione“, ha rivelato l’ex ministro. “E’ importante – ha aggiunto – essere qui e far sentire la nostra voce contro il governo. Il primo compito di un governo è mantenere in ordine il Paese e non solo i conti, e il governo non lo sta facendo. I populismo quando sono basati sulle menzogne poi si sciolgono presto, per questo è importante far sentire la nostra voce”. 

“Grazie, ci avete dato una lezione. E’ la piazza del cambiamento, la piazza della fiducia, alla piazza del futuro”, ha detto Martina parlando dal palco della manifestazione del Pd. “Abbiamo di fronte un governo di nazionalisti di destra pericolosi per il Paese, illiberale e oscurantista. E lo dico prima di tutto alle donne italiane. Guardate il ddl Pillon: passi indietro sui diritti, che noi respingeremo. Non permetteremo che si torni al Medio Evo. Il primo appello è alle donne. Combattiamo insieme questa battaglia, perché la nostra battaglia è la battaglia del Paese”. “Se c’è un presidente del Consiglio si segnali, esprima un giudizio, assuma una posizione all’altezza del nostro Paese. Penso alla vicenda del suo portavoce: anzichè scusarsi, ha difeso il portavoce dicendo che andava tutelata la privacy”, ha detto ancora Martina. “Italia ed Europa hanno un unico destino, un unico futuro. Per questo le europee saranno la nostra battaglia. Noi vogliamo combattere per una nuova Europa, più sociale, più politica. Fuori dall’orizzonte europeo l’Italia non esiste. Un Europa più sociale sul lavoro, sulla salute, con un sussidio universale di disoccupazione, una Europa che faccia pagare le tasse ai colossi del Web”.  “Non si governa un grande Paese come l’Italia dal balconcino, come Di Maio. È una scena da Repubblica delle banane”, ha aggiunto Martina dal palco.

“In viaggio verso Roma, verso Piazza del Popolo. È giusto stare in piazza contro questo Governo”, ha scritto su Facebook Matteo Renzi. “Questi incompetenti – prosegue – mettono a rischio l’economia. Prendono in giro i loro elettori, perché non manterranno comunque le promesse. Offendono gli altri cittadini, insultando chi la pensa diversamente. Noi dobbiamo reagire, senza paura.E farlo senza divisioni interne, basta con le polemiche. Lottare colpo su colpo. E organizzare forme di resistenza civile contro la deriva venezuelana di Di Maio e Salvini. L’Italia è stata resa grande dal lavoro, dal sudore, dalla fatica e non dall’assistenzialismo. Non lasciamo il futuro a chi vuole vivere di condoni e sussidi. Senza paura, amici”.