Reggio Calabria: dopo 16 anni lascia la città Padre Francesco Giofrè

Reggio Calabria: Padre Francesco Giofrè dopo lunghi  anni di permanenza nel capoluogo alla guida della Parrocchia, domenica  16 settembre, celebrerà l’ultima messa nella chiesa che lo ha visto per circa 16 anni, guida spirituale

Dopo la definitiva chiusura del Convento reggino di San Domenico, anche l’ultimo dei Domenicani lascia la città. Padre Francesco Giofrè dopo lunghi  anni di permanenza nel capoluogo alla guida della Parrocchia, domenica  16 settembre alle ore 09.30, celebrerà l’ultima messa nella chiesa che lo ha visto per circa 16 anni, guida spirituale della comunità. Amato e benvoluto da tutti. Con la sua partenza, lascia un vuoto incolmabile negli animi della gente che durante tutto questo tempo aveva imparato ad amarlo ed apprezzarlo come sacerdote e  per le sue doti umane e caritatevoli. Tra la gente, e  vicino alla gente avendo sempre una parola di conforto per tutti e accogliendo nel suo gregge, chiunque volesse farne parte. La presenza dei Frati Domenicani a Reggio Calabria. Risale pressappoco alle fine del 1400; e nel corso dei secoli la loro opera ha caratterizzato vicende ed avvenimenti  accaduti. Finisce un’epoca, termina un periodo storico di cui rimarrà traccia  soltanto nei libri.  Padre Francesco GIOFRE’ andrà a dimorare nella vicina Messina ove ancora resiste  un altro avamposto dell’Ordine Domenicano.  Pochi chilometri di mare lo divideranno dai suoi amati parrocchiani;  ma in talune  situazioni di rammarico, tale distanza può sembrare immensa come un oceano.  Con animo triste per la sua partenza, i Parrocchiani di San Domenico,  giorno 16 pregheranno con Lui, un ultima volta e poi  gli rivolgeranno il loro saluto colmo di ringraziamento per la sua amorevole opera sacerdotale. Ma allo stesso tempo, la tristezza lascerà il posto  alla gioia.  Esultanza nell’accogliere la domenica successiva, il giovane  Parroco che avrà il non facile compito di prendere il posto di Padre Francesco, nel cuore dei parrocchiani; Don Tonino Sgrò. La Comunità di San Domenico, si erge a “Vita Nova”, perché la Fede  in Dio non si disperde con la partenza di un singolo Sacerdote. Il credo si ripropone continuamente, si rinnova anche  attraverso l’arrivo di un altro Parroco. E  tutto ciò i fedeli della parrocchia lo sanno bene, perché hanno saputo apprendere gli insegnamenti dell’ultimo dei Padri Domenicani! Hanno saputo ascoltare e comprendere le sue parole. Per questo l’intera Comunità rivolge al sacerdote che va via, queste parole.- Ti salutiamo Padre Francesco; tu non vai via perché sarai presente sempre nei nostri cuori.  Al nuovo parroco che arriva i Parrocchiani rivolgono queste parole:- Benvenuto Don Tonino, siamo sicuri che sotto la tua guida spirituale, potremo continuare il nostro cammino  religioso e di fede; ed in te, così come è avvenuto con il Prete che ti ha preceduto; troveremo il “sacerdote” ma anche l’Amico.