Locri, impedito il banchetto di FdI nel piazzale dell’ospedale: “Siamo indignati e rammaricati”

Domenica prossima una delegazione di Fratelli d’Italia incontrerà alcuni dirigenti dell’ospedale di Locri

“Siamo rammaricati e indignati per quanto è accaduto. Oggi, noi di FdI, avremmo dovuto continuare presso l’ospedale di Locri la raccolta firme (già avviata online con oltre 2000 adesioni) a favore di una sanità “efficiente e per tutti”. Purtroppo ci è stato impedito dall’Asp n°5 di Reggio Calabria che non ha concesso la richiesta autorizzazione per l’istallazione del gazebo nel piazzale dell’Ospedale. Siamo increduli e stupiti e non riusciamo a comprendere quali possano essere le motivazioni che hanno impedito una civile e legittima manifestazione a tutela del sacrosanto
diritto alla salute. Vogliamo ancora sperare che dietro questa indifferenza non ci sia una sottointesa volontà a ridimensionare ulteriormente il presidio ospedaliero. Per questo, in continuazione al nostro operato, abbiamo chiesto ai vertici dell’Azienda Sanitaria un incontro per comprendere meglio l’operato e le criticità che ne impediscono il buon funzionamento dell’Ospedale di Locri. Siamo soddisfatti per la loro disponibilità e già domenica 16 una delegazione di Fratelli d’Italia incontrerà alcuni dirigenti. Ovviamente non rinunciamo alla nostra battaglia a favore di una #SanitàPerTutti e coinvolgeremo una sempre più larga fetta dei cittadini sia attraverso la raccolta firme che con altre iniziative per portare le loro istanze nelle sedi opportune”– è quanto dichiarano il Dipartimento Regionale Giustizia Fd’I, il Circolo Territoriale di Locri F d’I, il Circolo territoriale Locri G.N.