Flash-mob a Milazzo: gli abitanti della Valle del Mela ricordano il disastro del 2014

La Valle del Mela non dimentica e lotta ancora: flash-mob questa sera a Milazzo per ricordare il disastro del 2014

Intorno alle 19.00 di stasera una cinquantina di abitanti della Valle del Mela si sono resi protagonisti di un flash-mob a Milazzo(ME), in via Giacomo Medici.

I partecipanti all’improvviso hanno lanciato della farina in aria e si sono sdraiati per terra. A quel punto è stato aperto uno striscione con su scritto “27/09/2014 La Valle del Mela non dimentica”, stessa frase comparsa su striscioni affissi sui muri del comprensorio di Milazzo, tra il 26 e il 27 settembre. La data, come già riportato, ricorda un grosso incendio avvenuto dentro la Raffineria di Milazzo 4 anni fa. Da quel momento, però, gli abitanti della Valle del Mela hanno ripreso ad organizzarsi nella lotta per la difesa del proprio territorio “contro lo sfruttamento delle industrie“.

Dopo qualche minuto i manifestanti si sono rialzati si sono raggruppati dietro lo striscione, alcuni dei partecipanti hanno spiegato le ragioni della iniziativa:

Al Sindaco di questa città, a quello di San Filippo del Mela, al Sindaco Metropolitano, al Presidente della Regione e al Governo Centrale gli abitanti del territorio dicono che è finito il tempo in cui si poteva fare finta di niente. Che non possiamo più tollerare prese in giro e che il tempo della mediazione è terminato.”

Anche in questa occasione è stato ricordato il prossimo appuntamento di mobilitazione, che sarà in contemporanea con l’inizio del processo contro la Raffineria. A conclusione infatti è stato detto che:

“Il 12 ottobre 2018 inizierà il primo grande processo alla Raffineria di Milazzo, tra i pesanti capi d’accusa quello di disastro colposo. Questo processo va seguito con tutta l’attenzione che il movimento e il popolo, informato e organizzato, sanno esercitare. Per questo invitiamo tutte e tutti a partecipare al presidio che si terrà di fronte al tribunale di Barcellona il 12 ottobre prossimo.”