La testimonianza choc di una escort 41enne: “ho iniziato perchè ero disperata. All’inizio con i clienti mi sentivo violentata”

prostituzione

Simona, Escort 41enne a Radio 2: “ho iniziato perché ero disperata. All’inizio con i clienti mi sentivo violentata. Solo una volta ho avuto paura. A casa di un uomo drogato che aveva nascosto la madre in camera. Scappai subito”

Simona, prostituta italiana di 41 anni, ha raccontato la propria storia ai microfoni diRai Radio 2nel corso del format “I Lunatici”, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio in diretta dall’.1.30 alle 6.00 del mattino. La donna ha raccontato come ha iniziato a svolgere la professione:Mi sono improvvisamente trovata senza un soldo alla fine di una lunga storia d’amore. Abbandonata dal mio compagno, ho iniziato a fare le pulizie a chiamata e tra gli appartamenti in cui lavoravo c’era quello di una donna che era già introdotta nel mondo della prostituzione. Un giorno, parlando, mi ha detto che grazie al mio aspetto avrei potuto guadagnare un sacco di soldi accompagnando gli uomini in camera da letto. Ci ho pensato per una settimana. Poi ho accettato. Mi serviva denaro, ero veramente in una situazione complicata. E nessuno, tra tutti quelli che potevano aiutarmi, mi ha teso una mano”.

I primi tempi sono stati durissimi:Mi sentivo sporca, non avrei mai immaginato di ritrovarmi a fare una cosa del genere. Non avevo neanche un euro per un caffè in tasca, quindi ho iniziato questa avventura. L’inizio è stato traumatico. Dovevo andare in camera da letto con chiunque, per me è stato un trauma. Mi sentivo violentata, non potevo decidere io con chi ritrovarmi in camera da letto, ma era un’imposizione dettata dall’esigenza di guadagnare dei soldi. Poi, col tempo, ci si abitua a tutto, anche se ci sono alcuni momenti in cui mi sento fuori luogo, perché anche se faccio questo lavoro io non mi sento una prostituta. Mi sento una donna normale, come le altre. Solo che io mi faccio pagare, loro lo fanno gratis. Quando facevo le pulizie al mese guadagnavo 500 euro, mentre facendo la prostituta prendo veramente tanto. Non voglio dire quanto, ma tanto. Le cifre sono molto alte. Nessuno ha mai provato a farmi da protettore. Mai avuto un pappone”. Sui suoi clienti: Da me vengono uomini di tutte le età. Dai diciottenni ai settantenni, tutti gli uomini hanno bisogno di fare sesso o di ricevere quello che gli manca in casa. C’è chi viene da me per pura trasgressione, molti hanno mogli o fidanzate bellissime ma con me sentono un brivido che altrimenti non avvertirebbero. Non disprezzo gli uomini che vengono a letto con me. Molte volte li capisco, le loro mogli non si prestano come vorrebbero”. Poi, Simona, ha raccontato un aneddoto agghiacciante: L’unica volta che ho avuto paura è stato quando mi sono ritrovata in un appartamento con un uomo che aveva evidentemente fatto uso di stupefacenti. Era molto strano. E in casa c’era un odore nauseabondo. A un certo punto mi sono resa conto che c’era una morta dentro casa. Questo teneva la madre morta dentro casa. Ho chiamato subito il taxi e me ne sono andata. Lui teneva questa donna chiusa a chiave, vedevo in penombra una sagoma ricoperta da un lenzuolo che non si muoveva per niente”.

La situazione più divertente:Capita di divertirsi durante gli addii al celibato. Sappiate che in queste occasioni il futuro sposo consuma. Tradisce la moglie ancor prima di sposarla”.