Autonomie: Martina, governo diviso, ripartire da intesa Gentiloni

Roma, 15 set. (AdnKronos) – ‘Sull’autonomia Lega e Cinque Stelle sono divisi e il conto lo pagheranno prima di tutto i territori come il nordest. Stanno tradendo il Veneto. Hanno giocato alla propaganda e ora che c’è da governare non prendono nessun impegno certo. Se fossero seri dovrebbero ripartire dall’intesa già siglata tra le regioni e il governo Gentiloni”. Così il segretario del Partito democratico, Maurizio Martina, in una intervista a Il Gazzettino.
‘Attenzione -prosegue Martina- a non far diventare le regioni dei nuovi pachidermi burocratici. Molto meglio concentrarsi sulle materie centrali dello sviluppo territoriale. I fabbisogni standard sono la strada giusta. Invece la richiesta di trattenere 9/10 delle tasse è pura propaganda”.
Secondo il segretario dem, ‘la smania di potere di Lega e Cinque stelle non potrà comunque nascondere le enormi diversità tra le loro impostazioni. Non puoi dare ragione a tutti e promettere tutto a tutti. Anche perché poi i danni si vedono come è accaduto con il decreto Di Maio sul lavoro che sta creando seri problemi a imprese e lavoratori veneti. Io penso che il nostro governo abbia avuto l’atteggiamento giusto di disponibilità al confronto di merito e di serietà nell’approccio. Domandate alle regioni se avevano più interlocuzione con il nostro governo o con l’esecutivo Conte in questi 100. Noi siamo interessati a un discorso federalista serio e moderno che metta anche il Veneto nelle condizioni di fare meglio”, rimarca Martina.