A Milazzo torna la Sagra del Pesce: straordinario successo per la 22esima edizione [FOTO]

/

Successo a Milazzo per la Sagra del Pesce

L’attività peschereccia è manifestazione economico-culturale di un popolo, che con i suoi gesti e le sue tradizioni perpetua la propria identità lottando per mantenerla anche in un contesto di globalizzazione: è quanto sostiene Pasquale Maisano, uno dei volontari che ha prestato la propria opera alla «XXII Sagra del pesce», svoltasi nel quartiere marittimo di Vaccarella. Realizzata a cura dell’U.S. «G. Cambria» in collaborazione con i Frati minimi e col Comune di Milazzo, la manifestazione ha visto triplicare le presenze degli avventori da un anno all’altro costituenti una fila quasi chilometrica in attesa di degustare il pesce fresco, catturato al largo di Capo Milazzo qualche giorno prima da due equipaggi della marineria locale, ed allietati nel contempo dalle prestazioni canore del gruppo «Hasta la vista», prodottosi in cover di musica italiana ed internazionale. Contento a metà il presidente del sodalizio Melino Salmeri, il quale, se da un lato è rimasto compiaciuto del numero elevato di visitatori, dall’altro esprime amarezza per il mancato supporto delle istituzioni municipali, che hanno fatto venire meno il servizio d’ordine, affidato alla meno peggio ad alcuni volontari della Protezione Civile: “Mi corre l’obbligo di ringraziare l’Assessore Damiano Maisano e l’esperto Ciccio Italiano, adoperatisi per la migliore riuscita dell’evento, ma al tempo stesso per l’immane mole di lavoro sono costretto a segnalare lo scarso sostegno degli operatori comunali, i quali si sono limitati a costruire il palcoscenico senza proseguire nel supporto in questa giornata, in cui si sono evidenziate delle criticità infrastrutturali ed organizzative, che rischiano di scoraggiare l’iniziativa nel prosieguo degli anni successivi“. È accertato che le sagre raffigurano un momento non solo di diletto, ma anche di riflessione sul passato vissuto di un popolo, che cerca di far sopravvivere le proprie tradizioni consegnandole alle giovani generazioni, affinché non dimentichino le loro radici. Tutto ciò risulta determinante, se si registra l’efficace intervento delle istituzioni locali, che non devono limitarsi alla mera attività burocratica, ma adoperarsi con una costante attività di sensibilizzazione, poiché la promozione di un territorio passa attraverso quella sinergia e chiarezza progettuale, che possono far raggiungere apprezzabili risultati permettendo di svilupparsi sotto il profilo economico ed occupazionale.

 

Foti Rodrigo