Messina, la svolta leghista di Bramanti e dei suoi indigna Forza Italia: “Scelta di pessimo gusto, non siamo stati neanche avvisati”

Maria Fernanda Gervasi commenta la svolta del professor Bramanti e dei consiglieri: “avviare una fase di ricognizione del partito Forza Italia in città e in provincia”

A seguito delle recenti notizie, che raccontano della formalizzazione del passaggio alla Lega di un consigliere circoscrizionale e di ben quattro consiglieri comunali, tra cui il candidato a sindaco Prof. Placido Bramanti, ritengo opportuna, in quanto esponente di un partito di centro-destra che ha attivamente sostenuto la coalizione durante le ultime amministrative, una riflessione a riguardo.

Maria Fernanda Gervasi

Personalmente ho creduto in Bramanti sin dall’inizio. Mi sono spesa, senza mai risparmiarmi, nella ricerca del consenso da indirizzare verso il professore. L’ho fatto, senza alcun tentennamento, anche quando -sicuramente non a cuor leggero – mi sono trovata costretta a rinunciare, su espressa richiesta del professore Bramanti e nell’interesse esclusivo dell’unità della coalizione, alla candidatura alla presidenza della IV Circoscrizione. Rispetto all’oggetto di questo comunicato, è bene chiarire un passaggio: malgrado il professore abbia in svariate circostanze professato la sua totale estraneità alle logiche di partito, ritengo assolutamente insindacabile la sua scelta di transitare nella Lega.

Più sorprendente, però, appare la scelta di seguirlo da parte di alcuni consiglieri comunali. Non foss’altro perché, nel caso specifico, si tratta di ex componenti di Forza Italia che hanno aderito, insieme alla sottoscritta, al progetto di costruzione di una nuova fase del nostro partito, un percorso intrapreso già nel biennio 2013/14. Eppure, nonostante tutto, i consiglieri comunali in questione, che perlomeno sul piano puramente formale sino al 14 Agosto 2018 militavano nella medesima area politica di cui io stessa faccio parte, senza preventive comunicazioni “interne”, così come almeno dovrebbe imporre un certo gusto o meglio una forma basilare di rispetto nei confronti del partito e dei suoi componenti, hanno lasciato le nostre fila.

Stando così le cose, e sulla scia di una recente analisi dell’Avv. Emilio Fragale, non posso che concordare rispetto alla necessità impellente di avviare una fase di ricognizione del partito Forza Italia in città e in provincia”- è quanto dichiara in una nota Maria Fernanda Gervasi, Coord. cittadina dei Giovani di Forza Italia.