fbpx

Villa San Giovanni, allarme per gli effetti dei traghetti sulla salute pubblica: “aumentano patologie respiratorie e oncologiche”

“Effetto dannoso sulla salute pubblica, persistente nel lungo e lunghissimo periodo per i cittadini di villa”

“Ho letto con sorpresa   e con molta preoccupazione quanto riportato su un quotidiano del 20 luglio u.s. su una nota dell’ Asp di Reggio cal.- Settore Igiene e Sanità pubblica – in merito agli ipotizzati approdi a Pentimele”. Lo afferma in una nota Francesca Anastasia Porpiglia Consigliere Lega- Salvini Premier Presidente della Commissione Consiliare sulla mobilità nello Stretto  e sulla continuità territoriale di Villa San Giovanni.

“Riporto alcuni passaggi:

In merito agli approdi di Pentimele analizzando la questione, l’ASP scrive, “Si afferma invece che… non risulta effettuata da parte della società (Caronte) in via preventiva una stima quantitativa e qualitativa della diffusione , trasporto trasformazione chimica e deposizione dei gas di scarico prodotto dai mezzi pesanti sia durante  riavvicinamento/allontanamento  dalle zone portuali  di Reggio Calabria che durante lo stazionamento  in attesa d’Imbarco (motori sempre accesi). Vi aggiunge inoltre che le emissioni in atmosfera sono riconducibili anche alle emissioni prodotti dai fumaioli delle navi.”

“Scusate per Villa esistono queste stime? Sono mai state fatte? Le possiamo conoscere? Sul punto la Caronte sostiene che si utilizzeranno barriere protettive per abbattere l’inquinamento  ma (proprio ) da tali affermazioni l’Asp prende spunto per affermare  come vi sia un peggioramento della vita per circa 15000 abitanti. Tali barriere non impedirebbero le emissioni e definisce la soluzione fumosa e velleitaria. Ancora l’ASP “ Chi risarcirà i cittadini residente nell’area limitrofa agli approdi dei danni alla salute che si produrranno?”

“Mi domando e vi domando, quanto sopra vale  solo per  Reggio  e per Villa no? C’è da rimanere sbigottiti! l’ASP interviene per indicare le drastiche conseguenze sulla salute dei cittadini reggini per l’ attraversamento  di mezzi pesanti che non entrano nemmeno in città ma passano su una bretella esterna alla stessa e tace  invece per i cittadini di Villa che da anni subiscono quelle che la stessa Asp continuando ipotizza  “effetto dannoso non quantificato sulla salute pubblica, persistente nel lungo e lunghissimo periodo.”

“Con ipotizzabili aumenti di patologie respiratorie …ed oncologiche”

“Sig. Sindaco, colleghi consiglieri, avete ascoltato? Avete udito bene? Aumento patologie respiratorie ed oncologiche legate al traffico dei mezzi pesanti! Sono affermazioni gravissime ed inquietanti! Non possiamo far finta di nulla! Non voglio fare allarmismo ma invito sin da subito Il sig. Sindaco ad intervenire presso l’Asp di Reggio Calabria per chiedere oltre ai necessari chiarimenti, una dettagliata   ed  aggiornata relazione sull’impatto ambientale dei trasporti su Villa poiché ciò che solo ipotizzabile su Reggio, nel caso di imbarco dei mezzi pesanti al porto di Reggio, è  invece una  triste realtà per noi cittadini come molte famiglie villesi purtroppo sanno . Invito ancora   il Sig. Sindaco ad assumersi ogni  responsabilità ed iniziativa  ed a rivolgersi a tutte le autorità competenti per evitare che il bene primario dei cittadini Villesi , la salute possa essere compromesso. Credo, infine, che il Sig. Sindaco Siclari   debba  intervenire col  collega  Falcomatà, Sindaco della città metropolitana, per ricordargli che essa ricomprende anche Villa  e che i cittadini di Villa non sono di serie B. Stesso discorso vale per la Regione che riguardo i trasporti nello Stretto  spesso ha effettuato delle scelte senza tener conto di Villa San Giovanni”.

“E per  le Ferrovie di Stato. Di recente è stata introdotta una nuova linea che collegherà Cosenza , Lamezia,  Messina e Catania, bypassando totalmente  Villa, senza prevederne alcuna fermata .  Esigiamo maggior rispetto per Villa ed i cittadini Villesi ed in questo caso anche  per quelli Reggini! Ritornando però al tema principale, alla luce di quanto sopra, e concludo , urge ancora di più un incontro con i vertici della società Caronte Tourist .  l’ interlocuzione dovrà essere a 360 gradi e ricadere quindi, oltre su quanto detto prima e  sulle tariffe,   anche ed  inevitabilmente sui futuri programmi di sviluppo riguardanti gli attracchi delle navi che, se previsti a Reggio, dovranno necessariamente  portare ad una nuova ridiscussione dei rapporti con la stessa società e  sull’assetto dello sviluppo urbanistico del territorio  cittadino. Bisogna evitare che   le opere, pubbliche e private, già in corso o programmate diventino  un inutile orpello se non un danno  per la città di Villa San Giovanni! Ben vengano tutti gli investimenti sulla città di Villa ma prima di tutto Villa , i Villesi e la loro salute!”.