fbpx

Stipendi lavoratori Ecologia Oggi, Fiadel: “il lupo perdeil pelo ma non il vizio”

Ecco le parole della FIADEL riguardo le mancate spettanze (stipendio Giugno e 14^) ai lavoratori in forza presso gli impianti di Gioia Tauro, Siderno e Sambatello da parte della Società Ecologia Oggi S.p.A

“Il lupo perde il pelo ma non il vizio”. Così esordisce la FIADEL riguardo le mancate spettanze (stipendio Giugno e 14^) ai lavoratori in forza presso gli impianti di Gioia Tauro, Siderno e Sambatello da parte della Società Ecologia Oggi S.p.A. “Nel lontano mese di novembre dell’anno 2012, questa Società subentrò al precedente gestore degli impianti il colosso francese VEOLIA; Riecheggiano ancora nelle orecchie dei lavoratori, le belle parole proferite a mò di vanto in quell’occasione, di chi sosteneva che quella fosse la dimostrazione che la Calabria non avesse bisogno di “colossi stranieri” per gestire questi impianti sparsi su tutto il territorio Regionale. Purtroppo di lì a poco, a questi “altisonanti paroloni” seguirono i fatti che dimostrarono ben altro, infatti in maniera sistematica, l’azienda Ecologia Oggi ritarda i pagamenti ai lavoratori, INCURANTE di quelle che sono le scadenze mensili alle quali ogni famiglia deve far fede, costringendoli di fatto ad ogni tipo di escamotage per poter arrivare alla fine del mese.  Ad oggi i lavoratori non hanno percepito la mensilità relativa al mese di giugno e la 14esima, questo sta alimentando di fatto uno stato di ansia dei lavoratori, che memori di quanto accaduto lo scorso anno, quando si videro erogata la 14^ mensilità intorno alla metà del mese di Agosto, e di conseguenza per una buona parte di loro il periodo di ferie estive trascorse senza “il becco di un quattrino in tasca. “ Ma la cosa che più lascia l’amaro in bocca ai lavoratori facendo sormontare al tempo stesso uno stato di “contenuta rabbia”, è l’assordante silenzio di Ecologia Oggi quale unica risposta alle numerose richieste fatte dai lavoratori, l’azienda in questo è davvero maestra, non ha eguali nell’innalzare un muro di gomma tra se e le richieste dei lavoratori. La Fiadel evidenzia e denuncia altresì il mancato rispetto – da parte di Ecologia Oggi S.p.A. – di quanto previsto dal CCNL Fise-Ambiente, che prevede il pagamento della 14a mensilità entro il 15 del mese di Luglio di ogni anno, e dello stipendio, in via posticipata entro il 15 del mese successivo a quello di riferimento. Ad oggi i lavoratori non hanno visto nemmeno lontanamente l’ombra né dell’una (14^ mensilità) né dell’altra (stipendio giugno) spettanza. In aggiunta a tutto ciò, come se non bastasse,  vi sono  questioni annose, comunicate e sottoposte più volte anche alla committente Regione Calabria, che si protraggono ormai da tempo, e mai arrivate a delle concrete risoluzioni nel corso dei vari incontri e tavoli sindacali con la società stessa, questioni che hanno scaturito come effetto ultimo, delle vertenze da parte dei lavoratori nei confronti della Società, per il riconoscimento di alcune spettanze mancanti nelle retribuzioni sin dall’inizio del rapporto di lavoro. Appare dunque che questo stato di fatto non possa esser più accettato e tollerato, pertanto la Fiadel si auspica una rapida risoluzione e chiede alla Società Ecologia Oggi S.p.A. di attivarsi tempestivamente per il pagamento delle spettanze ai lavoratori, preannunciando sin da subito che  qualora non ci fosse un positivo riscontro da parte dell’azienda, si è pronti ad attivare uno stato di agitazione, nonostante questo possa arrecare forte disagi ai cittadini della provincia di Reggio Calabria  ed ai comuni conferitori dei rifiuti urbani ledendo di fatto il decoro delle città”.