fbpx

Reggio Calabria, SUL FAST: “il Comune tuteli i lavoratori dell’Acciona-Agua che perderanno il proprio posto”

Reggio Calabria, SUL FAST: “Non vogliamo pensare che non vi sia una via di uscita per  poche unita, al massimo quattro/cinque lavoratori”

Riteniamo, come sindacati federativi, doveroso intervenire sulla querelle che interessa i lavoratori dell’Acciona-Agua di via Boschicello, più segnatamente nei confronti di quei pochi lavoratori che si vedranno a breve inviata,  alla propria residenza, una letterina di poche righe con la quale gli sarà comunicato il licenziamento; il benservito dopo anni di onesto e proficuo lavoro. Si tratta di poche unità operative, compresi i tecnici, che perderanno il proprio posto di lavoro a causa della dismissione del dissalatore. Abbiamo appreso che un OdG  presentato in Consiglio Comunale, a favore di una possibile soluzione, è stato respinto a maggioranza e liquidato in modo sterile e senza alcuna possibilità di replica”. Lo scrivono in una nota stampa i Segretari Generali Calabria della SUL FAST, Aldo Libri e Vincenzo Rogolino. 

“Non vogliamo entrare nelle dinamiche politiche locali ma riteniamo che il dovere degli amministratori  sia anche quello di tutelare e trovare soluzioni atte a non far entrare in ulteriore sofferenza i propri  amministrati. Non vogliamo pensare che non vi sia una via di uscita per  poche unita, al massimo quattro/cinque lavoratori. Sarebbe una sconfitta per tutti coloro che credono ancora nella giustizia sociale. Per un impianto idrico, che dovrebbe soddisfare oltre duecentomila anime, è impensabile non trovare una collocazione in ambito manutentivo per cinque padri di famiglia. Come Sindacati auspichiamo che l’Amministrazione Comunale e il Sindaco sappiano e vogliano ricercare una giusta ed equa soluzione. Noi faremo, per quanto nelle nostre prerogative, ogni passo dovuto finalizzato a risolvere questo ennesimo fatto negativo che interessa ancora una volta il nostro territorio“, conclude la nota.