fbpx

Reggio Calabria: Gallico senza acqua, infiamma la protesta

Reggio Calabria: a farla da padrona a Gallico è la secca idrica che ha messo in ginocchio una parte del territorio, i cittadini protestano

“Gallico è una delle periferie Nord della Città di Reggio Calabria, un territorio molto vasto che in estate diventa una delle più rinomate località balneari con decine di migliaia di bagnanti che affollano le spiagge. In questa tormentata estate a farla da padrona è la secca idrica che ha messo in ginocchio una parte del territorio ovvero Gallico Superiore. Da diversi mesi sono state inviate segnalazioni tramite il sito messo a punto dall’attuale amministrazione Falcomatà, ma che lo stesso sembra essere solo una piattaforma virtuale fine a se stessa. La piattaforma si chiama segnaliAmo – Il cittadino chiama il Comune risponde. Il Comune risponde davvero? Ci sono segnalazioni accumulate addirittura da alcuni anni e per giunta i problemi segnalati persistono ancora. Questo non fa altro che creare sfiducia non solo in questa piattaforma ma persino in questa amministrazione Falcomatà che l’ha creata allo scopo di far percepire al cittadino stesso un ruolo di partecipante alla vita della città quando invece non è così. Il cittadino si illude di essere parte della città nel segnalare le problematiche, in realtà, dall’altra parte nessuno se ne cura. Ed ecco un fermo immagine della situazione attuale delle segnalazioni nella zona di Gallico Superiore”, è quanto scrive in Luciano Surace. “Tolta la segnalazione del 2016 e dello scorso anno, quelle del 2018 sono ben due, la più remota risale al 3 giugno 2018 e segnala il problema di mancanza d’acqua. La più recente, invece, è datata 11 giugno 2018 e segnala lo stesso problema. Quindi quasi due mesi di segnalazioni di mancanza d’acqua, e il problema è sempre rimasto, seppur a fasi alterne come ci spiegano alcuni residenti. Domenica 29 luglio alle ore 18:30, a Gallico Superiore, presso la Casa del Fascio (Edificio IX Circoscrizione Gallico – Sambatello) ci sarà un presidio per manifestare il proprio dissenso contro questo disservizio. Per molti sarà dura rinunciare alla tintarella e ad un bel bagno a mare. In questa estate rovente si vive ardendo senza bruciarsi mai! Sperando che Il Popolo di Gallico risponda a questa manifestazione! Chiunque voglia collaborare con striscioni e megafoni li porti direttamente e sparga la voce. Si manifesterà per tutti i disservizi che i residenti subiscono da diversi mesi, dalla mancanza di acqua alle strade crepate, dalla poca attenzione per la periferia alla lotta contro i rifiuti in strada”, conclude.