fbpx

Ponte sullo Stretto, Siracusano: “il ministro Toninelli non sa cosa dice”

Le parole di Matilde Siracusano, deputata di Forza Italia, sul Ponte sullo Stretto

Leggo con sconcerto le parole del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti sul ponte sullo Stretto di Messina. Le affermazioni del Ministro Toninelli ci dicono molto: in primis testimoniano un’inadeguatezza al ruolo che impone la capacita’ di avere visione d’insieme, non considerando le grandi opere come disgiunte l’una dall’altra ma semmai un insieme di elementi legati per l’ottimizzazione di un sistema nazionale. Internazionale. A maggior ragione se guardiamo al Ponte, strategico per il corridoio Palermo Berlino“. Cosi’, in una nota, Matilde Siracusano, deputata di Forza Italia. “Il Ministro – prosegue – parla di opere ‘utili solo ai lobbisti’ non avendo la benche’ minima idea di cosa dice. Lo invito, da siciliana, a venire nella mia splendida terra, non con un volo di Stato o con auto blu, bensi’ con treno o il mezzo proprio e si rendera’ conto di come grandi opere siano necessarie alla gente, agli italiani, ai meridionali, non ai lobbisti. E qui arrivo alla seconda considerazione, perche’ Toninelli – continua l’esponente azzurra – si pone in modo diverso nei riguardi delle infrastrutture per il Nord e quelle previste al Sud; ancora una volta assistiamo ad una linea di continuita’ con un passato noto che ha fatto sempre del Mezzogiorno d’Italia il figliastro da relegare allo stato di arretratezza e bisogno. Unica eccezione e’ stata rappresentata dai governi guidati dal Presidente Berlusconi. Ma, come una tela di Penelope, quanto Forza Italia ha progettato, costruito, immaginato per il Sud, tra esecutivi tecnici e di sinistra si e’ subito provveduto a smontare o frenare in fretta e furia“. “Efficientare il settentrione e il centro e lasciare schiacciato il meridione, chiara intenzione di mantenere il Paese a diverse velocita’, dividendolo sempre piu’ profondamente e alimentando l’atavica questione meridionale“, conclude.