fbpx

Continua con successo il Peperoncino Jazz Festival

Continua con successo nei luoghi più affascinanti della Sila l’ormai tradizionale incursione del Peperoncino Jazz Festival

Continua con successo nei luoghi più affascinanti della Sila l’ormai tradizionale incursione del Peperoncino Jazz Festival nelle sonorità nordiche ideata dal direttore artistico del festival Sergio Gimigliano, fortemente voluta dal Commissario Straordinario dell’Ente Parco Nazionale della Sila, Sonia Ferrari, e dal Direttore dell’Ente, Giuseppe Luzzi, e realizzata con il prestigioso patrocinio istituzionale della Reale Ambasciata di Norvegia. Giunta alla sua nona edizione e anche quest’anno caratterizzata dall’esibizione oltre che dei più talentuosi jazzisti calabresi, di artisti fortemente rappresentativi della scena nordeuropea prodotti dalla storica etichetta tedesca ECM, nonché dal coinvolgimento, in esclusiva nazionale, dei migliori musicisti norvegesi, la “cinque giorni” del PJF itinerante nelle località più belle della Sila è stata inaugurata mercoledì scorso dal doppio concerto dei The Hoppers, coinvolgente band cosentina che in orario pomeridiano ha portato gli spettatori alla scoperta della nuova funivia di Lorica e che poi, in serata, ha rallegrato il centro storico di Bocchigliero. Nella giornata di ieri, poi, è stata la volta dell’applauditissima esibizione del duo norvegese composto dalla cantante e suonatrice di kantele Sinikka Langeland e dal sassofonista Trygve Seim, che hanno dialogato musicalmente immersi nella splendida Riserva Naturale dei Giganti di Fallistro – bene da alcuni anni tutelato dal FAI > Fondo Ambiente Italiano – in occasione di una delle “Sere Fai” promosse a livello nazionale, con tanto di collegamento in diretta con la trasmissione di Rai 1 “L’Estate in diretta”, mentre oggi, a breve, nel Centro Visite del Cupone (attrezzato centro che sorge nei pressi del Lago Cecita, a pochi Km da Camigliatello), si esibirà il trio del pianista polacco Marcin Wasilewski.

Domani (domenica 29 luglio), infine, alle ore 17, le sonorità nordiche invaderanno un’altra tradizionale location della “cinque giorni silana” del PJF: la sede dell’Ente Parco Nazionale della Sila, sito in posizione panoramica con vista sul Lago Arvo a Lorica. Qui, sempre in virtù del gemellaggio musicale, culturale e territoriale che l’evento musicale più piccante d’Italia ha, di fatto, da nove anni a questa parte, instaurato tra la Calabria e la Norvegia, sarà di scena il quintetto del chitarrista norvegese Jacob Young, già ospite in alcune passate edizioni con altri progetti artistici. Nato a Oslo e sin da ragazzo molto attivo sulla scena musicale scandinava, dopo un lungo periodo di formazione musicale negli States, in cui ha avuto l’occasione di suonare con artisti come Manu Katché, Karin Krog e Bendik Hofseth, il giovane Young è tornato in Europa per realizzare il suo progetto discografico, ottenendo l’attenzione di Manfred Eicher (patron della prestigiosa etichetta ECM, che prima di lui aveva tenuto a battesimo chitarristi del calibro di Pat Metheny, Ralph Towner e Bill Frisell). Dopo il successo ottenuto da “Evening Falls” (2004) e “Sideways” (2008), nel 2015 il poliedrico chitarrista, questa volta in quintetto con i componenti del piano trio di Marcin Wasilewski (con Slawomir Kurkiewicz al contrabbasso e Michal Miskiewicz alla batteria) e il sassofonista Trygve Seim, ha dato alla luce il suo terzo disco da leader: “Forever Young” (2015), lavoro molto acclamato dalla critica internazionale, che sarà presentato in esclusiva nazionale in occasione del terzo concerto silano patrocinato dalla Reale Ambasciata di Norvegia.

In serata, poi, grazie al contributo dell’Ente Parco Nazionale della Sila e, ancora una volta, con il patrocinio dell’Ambasciata scandinava, dopo alcuni anni di assenza dal circuito del PJF, ad Acri – importante cittadina ricompresa nell’area protetta del parco che in passato aveva ospitato, tra gli altri, i memorabili concerti di Bill Frisell, Enrico Rava e Roberto Gatto – in occasione della sua XVII edizione tornano a risuonare le note del festival musicale più piccante d’Italia. Nell’elegante cortile del settecentesco Palazzo Sanseverino-Falcone, sede dell’interessante Museo di Arte Contemporanea intitolato a “Silvio Vigliaturo” (MACA), alle ore 21.30 sarà di scena il talentuoso cantautore e chitarrista norvegese Terje Nordgarden. Artista proveniente dal songwriting classico della vecchia scuola americana, con radici ben piantate nel folk, nel blues, nel gospel e nel rock, la ricerca di questo talentuoso musicista scandinavo è orientata verso belle canzoni melodicamente ispirate e che abbiano una storia da raccontare, che vengono eseguite dal vivo con una forte dose di coraggio e passione bruciante, nel solco della tradizione di figure imprescindibili come Bob Dylan, Bruce Springsteen e Neil Young, fino ad autori più recenti come Elliott Smith, Ryan Adams e Rufus Wainwright. Nordgarden, considerato dalla stampa del suo paese “Il miglior nuovo cantautore norvegese” e paragonato al grande Ryan Adams, ha all’attivo ben sette album, dai quali trarrà una selezione di brani che eseguirà per il pubblico del PJF. Si segnala che, come nella migliore tradizione del’evento organizzato dall’associazione culturale Picanto, al termine di entrambi i concerti, che saranno ad ingresso libero, verrà dato spazio alla degustazione dei migliori vini calabresi a cura dei Sommelier professionisti della F.I.S. (Fondazione Italiana Sommelier) Calabria in accompagnamento a prodotti gastronomici silani.

Al termine dell’intensa parentesi silana – nel corso della quale si è svolto un Press e Blog Tour – un viaggio per giornalisti e blogger provenienti da tutta Italia che ha l’obiettivo di far conoscere al pubblico, attraverso un evento musicale di assoluta qualità, le bellezze che la destinazione Sila è in grado di offrire ai viaggiatori – e prima di inondare di note e sapori tutta la costa ionica cosentina, lunedì 30 luglio il XVII Peperoncino jazz Festival – rassegna itinerante in ben 33 località calabresi organizzata dall’Associazione culturale Picanto con il contributo dell’assessorato alla Cultura della Regione Calabria, degli Enti Parco Nazionale del Pollino e Parco Nazionale della Sila, di numerose amministrazioni comunali, di Confindustria Cosenza, AGIS e ANEC Calabria e di prestigiosi sponsor privati, primo fra tutti UBI Banca e Busitalia Simet Spa – che anche quest’anno, tappa dopo tappa, si sta confermando come uno dei più importanti eventi culturali e turistici dell’estate calabrese, nonché come uno dei festival jazz più caratteristici d’Italia – approderà a Cosenza per la terza tappa di questa edizione nel capoluogo di provincia. In occasione della stessa, nella magica cornice del Castello Svevo, alle ore 21 verrà presentato, in anteprima nazionale, YRROS”, primo lavoro discografico della cantante Elisa Brown (a più riprese definita “la voce più soul della Calabria”), che per l’occasione sarà accompagnata sul palco da una super band di 15 elementi e, in qualità di special guest, da chitarrista Massimo Garritano.

Il concerto prevede un biglietto di ingresso dal costo di 10 euro, già acquistabile in prevendita online sul sito www.inprimafila.net