Categoria: CALABRIAEDITORIALINEWSNOTIZIE DALL'ITALIAREGGIO CALABRIA

‘Ndrangheta, arrestato latitante reggino: apparteneva a una delle famiglie più potenti della Calabria e si nascondeva a Pisa [NOME e DETTAGLI]

Arrestato dalla Polizia latitante reggino irreperibile da maggio

Il latitante Giovanni Morabito di 49 anni, figlio di Giuseppe, capo della ‘ndrina Morabito, una delle più potenti famiglie malavitose della Calabria originaria di Africo, è stato catturato e arrestato dalla polizia a Migliarino in provincia di Pisa. Il Morabito si era reso irreperibile dal 22 maggio scorso quando era sottoposto alla sorveglianza speciale con l’obbligo di soggiorno nel comune di Livorno dal 13 luglio 2017 e l’obbligo di presentazione di tre giorni alla questura di Livorno in quanto considerato soggetto pericoloso per la collettività. L’auto su cui viaggiava Morabito è stata intercettata dai poliziotti a Tirrenia (Pisa) ed è stata seguita fino a Migliarino dove è stata fermata dagli agenti. Morabito ha consegnato ai poliziotti documenti falsi, una carta di identità con le stesse generalità false per il cui utilizzo era stato già condannato in passato. Riconosciuto senza ombra di dubbio dai poliziotti, il ricercato è stato accompagnato in questura a Pisa e, dopo il fotosegnalamento di rito, è stato portato in carcere dove dovrà scontare la pena residua complessiva di 5 anni e 6 giorni di reclusione per condanne relative a numerosi reati, tra i quali possesso di documenti falsi, tentata truffa in concorso e aggravata, recidiva, simulazione di reato, violazione degli obblighi della sorveglianza speciale. Quando è stata fermata la vettura condotta da Morabito a bordo viaggiavano due avvenenti turiste belghe, le quali avevano chiesto allo un passaggio da Pisa a Viareggio (Lucca) ignare di chi fosse il personaggio che le stava accompagnando. Giovanni Morabito ha numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio, la persona, associazione a delinquere di stampo mafioso. Il provvedimento di arresto è stato emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Firenze ed è stato eseguito ieri sotto il coordinamento della Procura Distrettuale di Firenze e della Procura di Livorno.

Articoli recenti

Antonio Ingroia bloccato all’aeroporto di Parigi in stato di ebbrezza: “troppo ubriaco per volare”

Antonio Ingroia è stato fermato venerdì mentre tentava di imbarcarsi su un volo da Parigi per l'Italia: "troppo ubriaco per…

21 Aprile 2019 00:05

Viola Reggio Calabria: la Mood Project supera al “PalaCalafiore” la Luiss Roma per 87-71

Viola Reggio Calabria: la Mood Project grazie al successo ottenuto conferma il quinto posto in classifica e soprattuto il primato…

20 Aprile 2019 23:55

Tragedia sull’A2 Salerno-Reggio Calabria: giovane si suicida gettandosi da un viadotto [INFO e DETTAGLI]

Dramma in Calabria: il giovane ha scavalcato la recinzione e si è lanciato nel vuoto Un uomo di 30 anni…

20 Aprile 2019 22:30

Terremoto, scossa tra Catania e Siracusa nella notte di Pasqua: paura in Sicilia

Scossa di terremoto in Sicilia nettamente avvertita dalla popolazione Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 ha colpito alle 21:14…

20 Aprile 2019 22:13

Serie C girone C, la classifica e il programma delle ultime due giornate: per la Reggina decisiva la trasferta di Vibo

Serie C girone C, la nuova classifica e il programma delle ultime due giornate: la Reggina è vicinissima ai playoff,…

20 Aprile 2019 21:14

Pasqua, il messaggio di Musumeci: “La Sicilia è la regione più degradata d’Italia”

Gli auguri di Pasqua di Musumeci: "Per salvare la Sicilia non basteranno i miei cinque anni" "La Sicilia è la…

20 Aprile 2019 20:59