Migranti, la nave Diciotti verso Trapani. Salvini: “scendano in manette i violenti”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Migranti, la Diciotti a Trapani ma Salvini frena ancora. Polizia a bordo nave

Dovrebbe arrivare a Trapani questa notte la nave Diciotti con a bordo 67 migranti salvati dal rimorchiatore italiano Vos Thalassa davanti alla Libia. Da quanto si apprende, sulla nave sono presenti alcuni uomini della capitaneria di Porto e della Polizia di Stato. I migranti dovrebbero sbarcare a Trapani domani mattina.  “Con Conte– ha detto Salvini al termine – c’è una linea comune: rafforzare la sicurezza dei cittadini cittadini italiani ponendo al centro del Vertice il fatto che non possiamo essere lasciati soli”. “Le minacce sul fronte Sud per quanto riguarda il terrorismo sono molto significative”, dichiara il premier Giuseppe Conte al suo arrivo al vertice Nato a Bruxelles, sottolinenando l’importanza del rafforzamento dell’hub Nato di Napoli. “Dalla stessa immigrazione – ha detto – potrebbero arrivare rischi e pericoli di foreign fighter”. “L’incontro con Salvini” di stamattina “è andato molto bene, ci siamo aggiornati. A breve assumeremo iniziative italiane per dare continuità alle conclusioni del vertice Ue di giugno” precisa Conte.”Grazie al lavoro fatto, da quando sono ministro, ci sono dati buoni sugli sbarchi: 21 mila in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ma non mi accontento, voglio fare ancora meglio”,  ha aggiunto Salvini. “Prima di concedere qualsiasi autorizzazione attendo di sapere nomi, cognomi e nazionalità dei violenti dirottatori, che dovranno scendere dalla nave Diciotti in manette“, dichiara inoltre il Ministro dell’Interno.