Big data, privacy e diritto all’oblio, a Reggio Calabria esperti a confronto nel convegno sulla “Tutela dei dati personali e diritto a conoscere” [FOTO e INTERVISTA]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria: si è tenuto, presso l’Hotel resort Altafiumara, il convegno: “Tutela dei dati personali e diritto a conoscere” organizzato da Marco Schirripa dell’Università Mediterranea

Si è tenuto, presso l’Hotel resort Altafiumara, il convegno: “Tutela dei dati personali e diritto a conoscere” organizzato da Marco Schirripa dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria. Big data, privacy e diritto all’oblio sono alcuni dei temi con i quali il giurista di oggi si misura con sempre più frequenza e che sono stati al centro della due giorni di approfondimento scientifico. I lavori si sono articolati in 3 sessioni di studio, ciascuna delle quali ha previsto 3 relazioni tenute da illustri esperti del panorama nazionale e internazionale. Il Prof. Attilio Gorassini, ordinario di diritto privato all’Università Mediterranea, ha aperto i lavori dell’iniziativa. Tra i relatori al convegno anche il prof. Francesco Clementi, componente della commissione dei “saggi” per la revisione della costituzione e il cui titolo della relazione è stato: “Tra dati e date: il modello democratico nel contesto tecnologico“. Presente all’iniziativa anche il prof. Tommaso Edoardo Frosini, vice presidente del Cnr e professore di diritto pubblico comparato. Esperto dei rapporti tra diritto e nuove tecnologie, suo padre (Vittorio Frosini) è stato il padre dell’informatica giuridica. Il prof. Frosini ai microfoni di StrettoWeb ha detto che “il tentativo che si sta tentando di fare è una maggiore tutela dei dati personali anche se siamo noi che diamo i nostri dai a facebook o yahoo. L’abilità dell’utente è quello di non dare dati per così dire troppo intimi“. Ecco l’intervista:

Ad Altafiumara convegno dal titolo “Tutela dei dati personali e diritto a conoscere”: intervista al Prof. Frosini [VIDEO]