Reggio Calabria, allarme escherichia coli in città: il Sindaco Falcomatà vieta l’utilizzo dell’acqua potabile nelle frazioni collinari dopo le analisi Arpacal [INFO, DETTAGLI e ZONE COINVOLTE]

Ordinanza del Sindaco di Reggio Calabria per il divieto di utilizzo acqua potabile nelle contrade di Ortì e Arasì

Dopo l’allarme dell’Arpacal di ieri sulla non conformità delle acque per presenza di escherichia coli in città, oggi il sindaco Falcomatà ha inviato una nota urgente in cui vieta l’utilizzo dell’acqua.

Viste le note A.S.P. Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione n“ 1367 e 1368/Sian del 19/06/2018, con le quali è stato comunicato l‘esito delle analisi di laboratorio dei campioni di acqua potabile prelevati da personale ARPACal. nelle f. p. ubicate nelle contrade di Arasì ed Orti, da cui è emerso che gli stessi risultano non conformi ai sensi del D. lgs. n° 31/2001 e s.m.i. a causa della presenza oltre i limiti tabellari di batteri colifonni ed escherichia coli, che, pertanto, è necessario disporre l’inibizione temporanea dell’acqua al consumo alimentare, nonché l’adozione delle misure idonee finnlinalizzate al contenimento dei parametri come previsto dal D. lgs. n° 31/2001, la revisione dei serbatoi e le relative fonti di adduzione;

Visto il Decreto Legislativo n° 31 del 02 febbraio 2001, recante disposizioni per l’attuazione della direttiva comunitaria 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano:

Considerata l’esigenza, al fine di garantire la tutela della salute pubblica e le condizioni di sicurezza igienico – sanitarie, di interdire provvisoriamente la potabilitù dell’acqua nelle contrade di Arasì ed Ortì, nelle more di attuazione dei necessari interventi per il conseguente rientro dei parametri e negli standard di qualità fissati dal D. lgs. n° 31/2001, secondo le indicazioni dell’ASP di Reggio Calabria:

Visto l’art. 50. c. 5. del TUEL approvato con D. Igs. n° 2067/2000. in base al quale “in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal Sindaco, quale rappresentante della comunità locale“;

ORDINA

E’ vietato, per i motivi esposti in premessa, ed in via cautelativa, utilizzare per scopi potabili e per il consumo alimentare le acque distribuite nelle contrade di Arasì ed Orti.

Il Servizio Idrico integrato Comunale provvederà, con 1a massima urgenza, all’adozione di tutte le misure prescritte dall’ASP di Reggio Calabria, finalizzate alla riconduzione delle acque nei parametri di legge.

Il divieto come sopra disposto, avrà durata sino a revoca della presente Ordinanza, a seguito degli interventi necessari e del conseguente ripristino delle condizioni di potabilità.

DISPONE

che la presente Ordinanza sia notificata al Dirigente del Settore Lavori Pubblici e al responsabile del Servizio ldrico integrato, nonché all’ASP di Reggio Calabria e alla società HERMES Servizi Metropolitani S.r.l..;

che la presente Ordinanza sia pubblicata all’Albo Pretorio e negli altri luoghi pubblici e venga divulgata attraverso gli organi di informazione.