Sicilia, Musumeci minacciato di morte sui social: “Presidente, le auguro una fine lenta e dolorosa”

nello musumeci LaPresse/Guglielmo Mangiapane

Sicilia il presidente Musumeci minacciato di morte sulla pagina fb della deputata Zafarana

Mafiumeci non è certo una rivelazione è il continuum di Lombardo e di Cuffaro e di tutti i governi siciliani che sono la Dc trasformata poi in Forza Italia hanno continuato a distruggere una terra da sempre martoriata. Sig. Presidente le auguro una morte lenta e dolorosa“-è quanto è stato scritto da un hater a commento di un post su fb pubblicato dalla capogruppo all’Ars del M5S Valentina Zafarana. Il post è stato rimosso e in queste ore ha scatenato le reazioni  dell’assemblea regionale. Dura condanna da parte della deputata cinquestelle che ha espresso solidarietà nei confronti del governatore Nello Musumeci: “Odio e rabbia non fanno parte della nostra azione politica“- ha detto. Piena solidarietà verso il presidente e dura condanna per il gesto su fb anche dal gruppo di Fratelli d’Italia:  “Il web-ha dichiarato  il capogruppo all’Ars di Fratelli d’Italia, Antonio Catalfamo, a nome del gruppo parlamentare- è uno strumento di confronto ma non deve mai degenerare in arena violenta. Questo principio deve però essere promosso da tutti i leader politici: si può fare opposizione senza scatenare questo tipo di sentimenti negativi. La rete è uno strumento che è alleato della politica, non facciamolo diventare un pericoloso avversario. Solidarietà piena al Presidente Nello Musumeci.” Parole di condanna, ma anche un invito a riflettere sullo scadimento del dibattito politico anche dal presidente del gruppo misto all’Assemblea Regionale Siciliana, Cateno De Luca, che ha dichiarato: “Non ho mai nascosto, quando necessario, la distanza politica rispetto al recente operato del Governo regionale guidato da Nello Musumeci e rispetto al lavoro da lui svolto in questi mesi; altrettanto apertamente però non posso che condannare volgari e violente minacce che nulla hanno a che fare con la dialettica ed il confronto umano e politico sulle cose da fare. Sono certo, conoscendone la forza personale e l’integrità morale, che il Presidente Musumeci non sarà turbato, anche se certamente manifestazioni di odio verbale come quella avvenuta in queste ore devono spingerci a riflettere sullo scadimento del dibattito politico.