Messina, lo sfogo di Bramanti con i suoi nella notte: “questa città si merita De Luca”

bramanti elezioni messina

Messina, il triste sfogo di Bramanti nella notte è una grave caduta di stile

E niente. Un candidato pacato, serio, professionale, moderato e rassicurante che mantenesse un certo stile fino alla fine evidentemente non lo troveremo mai. Persino Dino Bramanti alla fine è sbottato, e ha perso quel suo elegante aplomb che era riuscito a mantenere per tutti i lunghi mesi della campagna elettorale. Nella notte sfogandosi con i suoi sostenitori dopo il risultato del ballottaggio ha parlato di “dignità“, di “serietà” e di “accettare il verdetto delle urne“, che quasi ci eravamo sorpresi per i toni più simili ad una democrazia matura come quella americana rispetto agli isterismi delle nostre latitudini. Invece poi arriva la frecciata: “penso che questa città si merita De Luca“. Una caduta di stile, perchè è l’opposto rispetto a quell’accettazione del verdetto delle urne che lo stesso Bramanti aveva auspicato pochi secondi prima. Sembra di sentire il delirante Accorinti che dopo la sconfitta al primo turno aveva parlato di “città povera culturalmente”, attaccando in modo durissimo la sua gente, quelli che cinque anni fa lo avevano eletto.

Dopo Accorinti, adesso è Bramanti che di accettare il risultato democratico proprio non ci riesce. Peccato. Ci avevamo sperato.

Politicamente molto interessanti le dichiarazioni di Bramanti che adesso auspica un ruolo di opposizione per la coalizione di Centro/Destra in consiglio comunale, “visto che gli altri non la faranno” lasciando immaginare un accordo già concretizzato tra De Luca e una parte importante dei consiglieri comunali eletti nelle liste di Centro/Sinistra e Movimento 5 Stelle. Dopotutto su StrettoWeb lo scriviamo da due settimane: grazie alla vittoria di De Luca sono stati eletti 3 consiglieri grillini e 4 del centro/sinistra in più rispetto allo scenario che si sarebbe prospettato con la vittoria di Bramanti. Pur mancando un accordo ufficiale e strutturale con i partiti, persino chi è nato ieri sa bene che anche in politica 2+2 fa 4… Ma Bramanti è sicuro di poter parlare anche a nome di tutti i consiglieri eletti nel Centro/Destra, o anche tra di loro c’è qualcuno che inizia a strizzare l’occhio a De Luca?